Foto di gruppo alla presentazione della Round Sardinia Race

Foto di gruppo alla presentazione della Round Sardinia Race

Presentata presso la Veleria Andrea Mura a Cagliari (localita Medau su Cramu, parco di Molentargius) la Round Sardinia Race 2016, il giro di Sardegna in barca a vela che torna un decennio di stand-by. Nata nel 2007 dall’idea dello skipper cagliaritano di fama mondiale, la manifestazione tornerà dal 15 al 25 settembre sulle coste dell’isola, partendo da Villasimius e snodandosi in 5 tappe.

Si parte sabato 17 da Cagliari, quindi le tappe di Villasimius, Porto Rotondo, Alghero, Carloforte e il ritorno nel capoluogo. Ogni tappa vedrà la convivialità nei vari circoli nautici che metteranno a disposizioni posti barca e organizzeranno cene e ritrovi, mentre a Su Siccu (Cagliari) ci sarà il villaggio aperto per tutta la durata dell’evento a beneficio di appassionati e turisti, su organizzazione dell’Ichnusa Sailing Kermesse.




Alla conferenza stampa sono intervenuti Andrea Mura, a fare gli onori di casa, l’assessore regionale al turismo Francesco Morandi e le altre componenti dell’evento, che si avvarrà anche della collaborazione di Vela Solidale e New Sardinia Sail, finalizzate alla promozione della vela a 360 gradi, alla creazione di posti di lavoro e all’inserimento dei più giovani in questo ambiente.

“Ci sarà la partenza al porto di Cagliari, dove stazionava Prada-Luna Rossa – esordisce Mura – Abbiamo pensato a costi di iscrizione popolari, comprendenti ormeggi e cene offerte dai vari club, che si stanno dando tantissimo da fare, penso a Villasimius con 70 posti barca. Vogliamo dimostrare che noi sardi non siamo pochi, pazzi e poco uniti, bensì capaci di fare sinergia per promuovere il turismo nautico e creare ricchezza. Ci sarà anche un concorso fotografico durante la regata, per poter immortalare le bellezze del nostro territorio da una posizione privilegiata. Le imbarcazioni oggi locali-regionali potranno diventare nelle prossime edizioni un volano per creare volume di affari in Sardegna, il progetto è triennale e contiamo di rilanciare e sfruttare l’ampio potenziale che c’è in questo territorio e in questo settore”.

Andrea Mura introduce la conferenza stampa

Andrea Mura introduce la conferenza stampa

“Il comparto del turismo nautico è da rilanciare e per certi versi da costruire – afferma Morandi – C’è un progetto di ampio respiro, internazionale e almeno triennale, che contiamo di vedere crescere. Il discorso della vela olimpica a Cagliari in caso di Roma 2024 fa capire come a Cagliari e in Sardegna, lungo 1950 km di costa si possa fare vela e sport del mare 365 giorni l’anno”.

Ruolo importante quello del Canottieri Ichnusa, circolo più antico dell’isola che da almeno 7 anni investe sulla vela d’altura, credendo nel suo sviluppo. L’obiettivo della manifestazione (attraverso partecipazioni congiunte e iniziative promozionali varie) è quello di attirare professionisti del settore ma anche semplici curiosi e bagnanti che potranno diventare velisti. Nelle prossime settimane verrà definita la presenza sui media, con l’interessamento già manifestato dalla Rai, tramite la trasmissione Lineablu per la traversata Cagliari-Villasimius e il lavoro di Enzo Cappucci.

Si navigherà anche in notturna ma, assicura Mura “sempre in massima sicurezza, sempre sotto costa e copertura di cellulari, sarà facile ma non facilissima come regata, è stato scelto di effettuare il giro in senso anti-orario per evitare di fare un giro di Sardegna contro vento, visto che la costa orientale è battuta perlopiù da Scirocco e quella occidentale da Maestrale. L’obiettivo è quello di promuovere questo sport, questo settore, quindi l’indicazione sarà quella di dare motore quando si sarà in ritardo per l’approdo serale e la partecipazione alla cena organizzata dal club di turno”.

dall’inviato Mattia Marzeddu




Commenti Facebook


Lascia un commento