Football Americano, i Crusaders cercano gloria a Bologna

Impegno in trasferta per i ragazzi di coach Fiorito

Coach Polese a colloquio con i Crusaders (foto Battista Battino)

Coach Polese a colloquio con i Crusaders (foto Battista Battino)

Le buone intenzioni supportate da riscontri concreti sul campo erano state evidenziate nell’ultima apparizione casalinga. Alla viglia del secondo ed ultimo match interdivisionale (cioè con una compagine non compresa nel girone di appartenenza) ci si attacca alla passione, all’orgoglio e alla generosità agonistica per supplire il cronico problema delle assenze.

Si parte verso il capoluogo dell’Emilia Romagna con l’idea di continuare ad emanare segnali positivi, ma così conciati i rosso argento hanno la consapevolezza di poter naufragare per eccesso di stanchezza. Nelle loro quattro uscite stagionali i Braves Bologna hanno totalizzato due successi molto netti (Chiefs Ravenna, Ravens Imola), e altrettanti stop (minimo lo scarto dopo il derby con i Warriors Bologna, più accentuato nei confronti dei Bengals Brescia).




BOTTA E RISPOSTA CON L’HEAD COACH GIUSEPPE FIORITO

Rispetto alle avversarie precedentemente incontrate, come possiamo configurare il valore del team emiliano?

Credo sia simile a quello dei Gladiatori: un team solido e disciplinato.

L’ultima gara ha mostrato un collettivo migliorato, unito e concreto nonostante le assenze. Le ultime sedute di allenamento stanno confermando questo trend?

Si, e speriamo di alzare il rendimento e limitare ulteriormente gli errori.

Com’è la situazione assenti?

Sempre grave. Mai come quest’anno avevo avuto un numero di infortunati così alto: quasi un terzo della squadra non è, per motivi diversi, disponibile.

.

.

GLI STATI D’ANIMO DEGLI ATLETI: SIMONE ROMELLINI

Dopo due anni di “noie al motore”, il defensive back Simone Romellini dovrebbe riassaporare il clima partita proprio nel corso della sfida bolognese. Prima l’infortunio al crociato anteriore, seguito poi da un incidente di lavoro alla mano: non sono stati periodi spensierati per uno che ama tantissimo questo sport. Ma il suo apporto ai compagni non è mancato anche in modalità convalescente: “E’ sempre difficile assistere alle partite da infortunato – ammette Simone – vorresti partecipare a tutte le azioni e faticare assieme ai tuoi compagni. Ciò non vuol dire che non puoi comunque fare qualcosa di utile; aiutare i coach e i compagni nella gestione della partita ti fa sentire comunque parte della squadra”.

Vedendo dall’esterno il rendimento dei Cru che idea ti sei fatto?

Posso solo dire che abbiamo bisogno di allenarci, ma questa non è una novità. Partecipiamo a un campionato tecnicamente e fisicamente difficile.

I Braves ti attendono

Non vedo l’ora di giocare, non è facile mantenere lo stesso entusiasmo quando manchi per tanto tempo.

Cosa ti aspetti dal prosieguo del campionato?

Mancano cinque partite, possiamo ancora puntare ai playoff. Dipende soltanto da noi.




GLI STATI D’ANIMO DEGLI ATLETI: IVANO PILI

Vuol subito tranquillizzare tutti i tifosi: la situazione nello spogliatoio, nonostante lo zero in classifica va a gonfie vele, specie dopo la buona performance contro i Gladiatori. Ivano Pili è tra quelli che si sono distinti contro i romani ma giustamente non si accontenta: “Sfortunatamente, causa infortuni reiterati, in queste settimane di pausa abbiamo dovuto organizzarci su chi avrebbe fatto il doppio ruolo e ci siamo allenati di conseguenza”.

Siete ancora a corto di vittorie, dici che sta arrivando il momento del riscatto?

Sono sicuro che è una situazione a cui metteremo presto rimedio. La squadra si sta allenando con intensità e questo mi rende fiducioso per le partite che dobbiamo giocare.

Gli allenatori come vi stanno incoraggiando a fare sempre meglio?

Si stanno impegnando tantissimo per allenarci e affrontare questo campionato nel migliore dei modi. In ogni allenamento si cerca di rifinire una squadra che è pronta a dare il meglio di sé. Vedere la passione che mettono in questo sport personalmente mi incoraggia a dare il meglio, e penso che valga anche per i miei compagni di squadra.

Che idea ti stai facendo dei Braves?

Credo che sia una buona squadra; si può affrontare per portare a casa una vittoria.

Ufficio Stampa Crusaders Cagliari

Commenti Facebook


Lascia un commento