Cagliari, Cossu: “Ho temuto di lasciare con la retrocessione”

Le parole del fantasista isolano dal ritiro di Pejo

Andrea Cossu dal ritiro di Pejo

Andrea Cossu dal ritiro di Pejo

“Prime” parole da (nuovamente) giocatore del Cagliari per Andrea Cossu. Il folletto sardo, arrivato nella giornata del 9 luglio intorno alle 11.30 nel ritiro di Pejo, ha effettuato finora due sessioni di allenamento, una pomeridiana e una mattutina. Nella sala stampa del ritiro nella Val di Sole, insieme al capitano Daniele Dessena, il trequartista reduce dall’esperienza a Olbia, torna a parlare da giocatore rossoblù dopo due anni, in seguito all’esperienza terminata nel 2015 dove in rossoblù si son succeduti Zdenek Zeman, Gianfranco Zola, ancora il boemo e infine Gianluca Festa. Dopo l’arrivo (intorno alle 11.30) di Marco Andreolli nel ritiro in Trentino, ecco le parole di Cossu dalla conferenza stampa post allenamento mattutino.



Chi sarà il capitano?

Daniele mi ha espresso il suo punto di vista, ci siamo confrontati e in segno di rispetto per il lavoro svolto in questi due anni sarò sempre vicino a lui per portare avanti la scelta nel segno della continuità. La fascia,  formalmente, rimarrà a lui. Tra di noi enorme rispetto, bello vivere di nuovo insieme avventure in rossoblù.

Quanto ti aspetti di giocare?

Vengo qua mettendomi a disposizione del gruppo e del mister, sarà il campo a decidere.

Ti disturba chi dice che sia tornato per riconoscenza o per un “piacere ai tifosi”?

No, assolutamente. Non penso a queste cose. Sono contento di essere qui, amo il Cagliari e mi metterò disposizione.



Hai avuto paura di lasciare il Cagliari con una retrocessione?

Dovevo rimanere l’anno dopo la retrocessione, c’è stato qualche problema ed è saltato tutto. Non volevo lasciare la Sardegna nonostante le offerte dall’estero, poi c’è stata la proposta dell’Olbia e di accettare e rimanere, visto che c’era anche il progetto col Cagliari. Ora sono qui e a disposizione. Dopo la retrocessione in B sicuramente c’è stato il timore di non poter chiudere al Cagliari.

Quindi qualche offerta c’è stata? Come ti sei trovato a Olbia?

Qualche offerta è arrivata ma non volevo più spostarmi. A Olbia sono stato benissimo, mi sono sentito a casa e li ringrazierò sempre, città società e compagni. E’ stata una grande esperienza.



Cosa vorrai fare da grande? Sarà il tuo ultimo anno?

Non penso a questo, ora sono concentrato su questa stagione.

Quali sono le tue condizioni fisiche?

Ho avuto una squalifica un po’ lunga ma come infortuni niente di importante. Sto abbastanza bene.

Qual è stata l’emozione nell’indossare nuovamente questa maglia?

Quando ho indosso questa maglia mi vengono i brividi tutte le volte, è una cosa che mi porto dentro fin da bambino e sarà sempre così.

dagli inviati Mattia Marzeddu e Fabio Frongia

Commenti Facebook


Lascia un commento