Pasquini: “Ecco com’è nata la nuova Dinamo”

“Volevamo partire presto con il mercato e non ripetere gli errori delle scorse stagioni”

Federico Pasquini

Federico Pasquini

Intervistato a Dinamo TV nel doppio ruolo di coach e general manager, Federico Pasquini ha presentato la squadra biancoblù per la prossima stagione: “Volevo evitare quello che era successo nelle scorse stagioni, ovvero partire tardi con il mercato avevamo delle idee molto chiare sui giocatori da prendere. Penso che abbiamo giocatori motivati in ogni ruolo e tutti devono sapere quello che dovranno fare sul campo. Vorrei utilizzare una Dinamo che sappia interpretare diversi copioni, dobbiamo sapere correre con intelligenza. A livello difensivo mi piacerebbe proporre diverse chiavi, l’atletismo deve essere un valore aggiunto per noi”.



“Una volta perso lo “zoccolo duro” abbiamo pensato di partire da un giocatore importante italiano come Polonara , lui ci ha fatto sentire subito l’entusiasmo per il nostro progetto. Da lì è partito un effetto domino: seguivo Bamforth da tempo, lui è un giocatore motivato che vuole dimostrare le sue qualità, poi sono arrivati Shawn Jones che avrei voluto con noi anche negli anni scorsi. Ho pensato a Planinic che mi dà diverse alternative nel ruolo dei lunghi e poi Dyshawn Pierre che si adatta molto agli spot di 3 e 4 a seconda dell’esigenza di essere più o meno leggeri. Levi Randolph avrà una grande voglia di riscatto, mentre Hatcher ha personalità ed esperienza. Stipcevic e Devecchi? Sono i giocatori che hanno dato di più dal punto di vista morale l’anno scorso”. 

“Quest’anno la stagione parte prima– conclude Pasquini- abbiamo raccomandato ai giocatori di mantenersi in forma. Sarà un campionato molto competitivo, saranno tante le squadre che vorranno fare bene e potrebbero esserci delle sorprese. Il progetto Cagliari Dinamo Academy? Darà senz’altro una valvola di sfogo per i giocatori più giovani, sarà molto importante per noi e per il basket sardo. Sono convinto che possa essere molto vantaggioso per tutti”. 



Commenti Facebook


Lascia un commento