Cagliari, Pavoletti: “Tutto è andato per il meglio”

Le parole del centravanti rossoblù al termine della sfida col Crotone

Leonardo Pavoletti - foto: Cagliari Calcio

Leonardo Pavoletti – foto: Cagliari Calcio

E’ arrivato l’esordio ufficiale con la maglia del Cagliari per Leonardo Pavoletti. Il nuovo centravanti rossoblù, è ancora alla ricerca della condizione migliore. Nella prima uscita alla Sardegna Arena, in cui i sardi hanno sconfitto per 1-0 il Crotone, il calciatore ex Napoli ha giocato tutto l’incontro. Queste le sue prime sensazioni con la maglia cagliaritana: “Fino ad ora tutto perfetto. Accoglienza da star, una squadra che gioca bene e vince, meglio di così non potevo aspettarmi“. Sulla sua condizione: “Fisicamente devo migliorare. Vengo da tanta inattività ma non pensavo di essere già a questo punto, la gamba c’era“. Sui pochi cross nei suoi confronti: “Sicuramente devono conoscere me e io devo conoscere loro. Abbiamo passato due settimane insieme ma ci vuole più tempo per affinare i meccanismi. I segnali sono buoni“.



Sulla partita col Crotone: “Era una gara difficile, contava la vittoria. Abbiamo giocato palla a terra, facendo qualche buona combinazione, riuscendo ad andare in porta. Per il resto, il campo non era ancora perfetto, poi loro sono duri da affrontare. Potevamo fare meglio ma l’importante era vincere per i tifosi e per il lavoro fatto con lo stadio“. Sulla tensione nervosa nel finale di partita: “Non ho avuto questa sensazione. Loro hanno alzato il baricentro però abbiamo controllato abbastanza bene“. Sui 90 minuti disputati: “Non pensavo di riuscire a farli tutti. Fino a mercoledì credevo di avere mezzora! Ho avuto invece la gamba giusta per almeno un’ora, per il resto ho messo un po’ d’esperienza“. Sull’intesa con Sau: “C’è una buona intesa, sul gol abbiamo toccato palla io, lui e Joao Pedro. Abbiamo fatto delle belle giocate, potremo fare belle cose“.



E continua: “Tornare indietro ad aiutare? Sia mia indole che indicazioni di Rastelli. In una partita così importante, poi, è inammissibile che qualcuno rimanga alto senza fare compiti difensivi. A me piace aiutare la squadra, ed è anche da ciò che si vede anche l’unità di gruppo“. Sull’impegno di domenica prossima con la SPAL: “Ora ci sono 3-4 partite difficili, in cui dobbiamo fare punti. Adesso godiamoci questa vittoria e da martedì lavoriamo per Ferrara“. Chiosa finale sui suoi gol: “Spero di farne qualcuno. Ci tenevo a farlo oggi per la mia città (Livorno n.d.r.) che stanotte ha avuto qualche problema. Avrei voluto segnare per dedicarglielo e dimostrare il mio affetto ma purtroppo non ci son riuscito, ci sono andato molto vicino“.

dall’inviato Stefano Sulis



Commenti Facebook


Lascia un commento