L'Arzachena è ferma a 3 punti in tre gare (foto: Sandro Giordano)

L’Arzachena è ferma a 3 punti in tre gare (foto: Sandro Giordano)

L’Arzachena cade all’ultima curva e perde per 3 a 2 una partita in cui per larghi tratti avrebbe potuto recriminare per un pareggio. È amara la trasferta senese per la truppa di mister Giorico, condannata alla sconfitta in pieno recupero dalla rete di Simone Guerri, vecchia conoscenza del calcio isolano visti i suoi trascorsi nella Torres nella stagione 2013/2014. Risultato troppo severo per i biancoverdi, che hanno giocato con personalità sul campo di una delle big del girone, non a caso ancora imbattuta e con la porta inviolata prima di questa partita.



Avvio choc. Mister Giorico prova a scompaginare le carte in tavola e schiera con un 4-4-2 compatto davanti a Ruzittu, linea difensiva consueta con Arboleda, Piroli, Sbardella e Peana, a centrocampo fa l’esordio il nuovo acquisto Russu, schierato a sinistra accanto a Bonacquisti, Nuvoli e Casini, coppia d’attacco Sanna-Curcio. Dall’altra parte l’ex Olbia Michele Mignani schiera la stessa squadra reduce dal pari di Pisa tenendo in panchina Guberti. Inizio partita di nettissima impronta bianconera: la Robur prende il pallino del gioco e detta ritmi forsennati cui gli smeraldini non riescono mai ad opporsi. Primo brivido al 8’ con Marotta che scalda i guantoni a Ruzittu su calcio di punizione dal limite con l’estremo difensore bravo a ribattere, ma la sfuriata bianconera prosegue e dopo qualche azione pericolosa di Marotta è Bulevardi a sbloccare il risultato al quarto d’ora con un siluro dai 25’ metri che non dà scampo a Ruzittu. Tre minuti e Neglia accarezza il palo con una rasoiata a portiere battuto. Passata la prima mezzora di dominio assoluto gli smeraldini prendono coraggio, trovano gli giusti spazi in campo e iniziano a proporre il loro gioco. Al 33’ primo squillo dell’Arzachena con Sanna che brucia D’ambrosio sullo scatto e si presenta a tu per tu con Pane ma il suo diagonale viene bloccato dal portiere bianconero. Prima dell’intervallo ci prova anche Curcio, ma la sua conclusione si spegne a lato.



Riscossa. La ripresa si apre con l’aumento d’intensità della pioggia e con un cambio tattico dei biancoverdi che tornano al 4-3-1-2 con Vano che sostituisce Russu e la squadra che trova subito le quadrature giuste mettendo pressione ai padroni di casa. Prima ghiotta opportunità al 5’: imbucata di Nuvoli per Sanna, controllo e girata ma Pane blocca a terra. È il preludio del gol del pareggio: Vano lavora un pallone sulla trequarti, appoggia a Curcio che di prima serve sulla corsa Sanna che calcia al volo sul primo palo lasciando secco Pane. La reazione della Robur è nervosa, fin troppo: al 55’ sugli sviluppi di un corner a favore un contatto proibito costa il cartellino rosso a Sbraga. Mignani corre ai ripari chiamando in causa il Guberti e schierando un 4-3-2 ma è l’Arzachena a menare le danze e al 65’ un cross Arboleda pesca Vano in mezzo all’area e Pane deve superarsi per evitare il gol, che è solo ritardato. Minuto 72, Curcio controlla un pallone fuori area e dalla mezzaluna lascia partire un destro dolcissimo che si insacca nell’angolo basso alla sinistra del portiere. Gli uomini di Giorico sembrano aver le ali ai piedi e Casini al 76’ da fuori area chiama ancora Pane all’intervento.
A cambiare le sorti della partita è la classe di Simone Guberti. Il mago di Villamassargia entra in campo nel momento in cui la sua squadra resta in 10 e nelle fasi di maggior difficoltà se la carica sulle spalle inventando un gran gol: azione personale sulla fascia sinistra, scherza con Arbeloda e Piroli e dal vertice sinistro dell’area di rigore disegna col una traiettoria morbidissima verso il palo più lontano che non lascia scampo a Ruzittu.

La partita si infiamma: Mignani disegna il Siena con un 3-4-2 molto offensivo per cercare fino all’ultimo il sorpasso, dal canto suo l’Arzachena non cede di un centimetro e risponde colpo su colpo ai tentativi dei padroni di casa. A pochi secondi dal fischio finale ecco la beffa: azione sulla destra di Brumat che tira, Piroli ribatte e Guerri è velocissimo a mettere il piatto e battere imparabilmente Ruzittu. È l’apoteosi bianconera, mentre l’Arzachena deve accontentarsi dei complimenti e dovrà rimuginare su quanto sbagliato nella seconda trasferta toscana della sua stagione. Ad Arezzo fu goduria, oggi è tempo di rimpianti.



ROBUR SIENA: Pane, Brumat, Sbraga, D’Ambrosio, Iapichino, Bulevardi (82’ Terigi), Cristiani (82’ Guerri), Vassallo (55’ Guberti), Marotta, Damian (69’ Gerli), Neglia (55’ Panariello). A disposizione: Crisanto, Rondanini, Emmausso, Lescano, Mahrous, Cruciani, Romagnoli. Allenatore: Mignani
ARZACHENA: Ruzittu, Arboleda, Russu, Bonacquisti, Piroli, Sbardella, Peana, Nuvoli, Curcio, Casini, Sanna (86’ Lisai). A disposizione: Cancelli, Maestrelli, Aiana, La Rosa, Taufer, Bertoldi. Allenatore: Giorico.
ARBITRO: Longo di Paola (CS)
MARCATORI: 15’ Bulevardi, 52’ Sanna 72’ Curcio, 77’ Guberti, 94’ Guerri
NOTE: espulso al 55’ Sbraga.

Claudio Inconis

Altre notizie relative

Penalizzazione Arzachena confermata ma… La Procura Federale abbassa l'inibizione per Fiorini e Altana
Torres, torna Spinola e arriva D’Alessandro Con lui il difensore D'Alessandro
Ancelotti punta il Cagliari Poche parole, solo voglia di ripartire. Questo, in sostanza, il menu di Carlo Ancelotti per dimenticare l'eliminazione dalla Champions League del suo ...

...e tu cosa ne pensi?

300