Sardegna Arena, parlano Gosti, Passetti e Signorelli

La soddisfazione della società, dell’assessore e del responsabile dei lavori alla Sardegna Arena

Gosti, Signorelli e Passetti nella sala stampa della Sardegna Arena

Gosti, Signorelli e Passetti nella sala stampa della Sardegna Arena

Sono il dg Mario Passetti, il consigliere di amministrazione (che si occupato delle vicende stadio) Stefano Signorelli e il responsabile dei lavori alla Sardegna Arena Alessandro Gosti a fare gli onori di casa nello stadio del Cagliari, a poche ore da Cagliari-Crotone.



Avevamo il progetto di fare uno stadio in 120 giorni e ci siamo riusciti”, dice Signorelli, “ringraziamo tutte le istituzioni e tutte le parti che hanno contribuito a realizzare questa impresa“.

Ringrazio il Cagliari e Stefano Signorelli  – afferma Gosti – per l’opportunità di lavoro che mi è stata data. Avere l’autorizzazione per aprire questo impianto in così poco tempo è motivo di orgoglio, frutto di grande lavoro di tutti e siamo felicissimiAbbiamo dovuto pensare prima, in modo prioritario, alle opere che bisognava ultimare per questioni di sicurezza. Lo stadio non è finito, c’è ancora qualcosa da fare ma era necessario procedere così“.

Mi unisco ai ringraziamenti“, rincara Passetti. “Da sardo posso dire che siamo un po’ abituati a piangerci addosso, a evidenziare le cose che non vanno bene , ma oggi tutti noi – sardi e non – devono essere orgogliosi per quello che abbiamo fatto assieme. Tutti coloro i quali ci hanno affiancato, istituzioni media e tifosi, hanno aiutato a realizzare un’impresa che pareva impossibile. Dobbiamo imparare che con serietà e fortuna le cose belle possono essere realizzate. Abbiamo avuto accanto a noi tante persone che nell’ombra hanno messo passione e competenze per superare le difficoltà e raggiungere l’obiettivo. Quando il Cagliari Calcio viene messo davanti a tutto ecco che certe cose si possono fare“.



Sala stampa di alto livello e museo alla Sardegna Arena: “Non ci siamo voluto accontentare – dice Passetti – Volevamo uno stadio che inizi a essere vissuto anche quando non c’è la partita del Cagliari. Tanti ci hanno aiutato a mettere a disposizione materiale, cimeli e tutto ciò che serviva per abbellire l’interno. Quindi grazie a tutti e ora pensiamo alla partita col Crotone“.

dall’inviato Fabio Frongia


Commenti Facebook


Lascia un commento