Arzachena, il Sindaco: “Al ‘Pirina’ nel girone di ritorno”

Il club smeraldino milita in Lega Pro in esilio al “Bruno Nespoli” di Olbia

Il Sindaco, Roberto Ragnedda, con Vano, Bonacquisti e Nuvoli dell'Arzachena

Il Sindaco, Roberto Ragnedda, con Vano, Bonacquisti e Nuvoli dell’Arzachena

Nuova tribuna da 500 posti e servizi igienici in Curva Nord. Secondo quanto scritto oggi da La Nuova Sardegna, e confermato dall’Arzachena Costa Smeralda Calcio, sono state trovate e stanziate le risorse comunali per dare seguito al già approvato progetto per l’adeguamento del campo sportivo di Arzachena, il “Biagio Pirina”. Condizione necessaria perché la squadra smeraldina possa disputare nel suo campo le gare casalinghe della Lega Pro, dove il club smeraldino è approdato nel 2017, chiudendo l’esilio in atto al “Bruno Nespoli” di Olbia.



Circa 140 mila euro l’esborso comunale, reso possibile dall’immediata attivazione del neosindaco Roberto Ragnedda. “Adesso ci sarà la conferenza di servizi – dice il primo cittadino – Confidiamo nel ritorno al ‘Biagio Pirina’ per il girone di ritorno”, l’importante annuncio. Come detto, il Comune avrebbe previsto una struttura in cemento armato prefabbricata con 500 posti e bagni, nella Curva Nord del “Pirina”. Per poter ospitare la Lega Pro gli interventi non sono pochi: bisogna mettere a punto il sistema di videosorveglianza, la realizzazione della sala antidoping, l’infermeria, sala e tribuna stampa. Ancora Ragnedda: “Abbiamo fatto una ricognizione delle torri faro – dice – le verifiche strutturali all’impianto di illuminazione per capire l’entità dell’intervento”. Gli adeguamenti dello stadio potrebbero rientrare nel più ampio progetto della cittadella sportiva, con area verde, impianti sportivi e riqualificazione dell’area di Corracilvuna.



Commenti Facebook


Lascia un commento