La Nuorese nella seconda metà degli anni Trenta (foto: Nuorese Calcio)

La Nuorese nella seconda metà degli anni Trenta (foto: Nuorese Calcio)

Domenica 6 gennaio del 1935 la folla, come solitamente accadeva da un quinquennio, gremisce gli spalti del “Quadrivio” di Nuoro, in campo due formazioni si scaldano prima dell’inizio dell’incontro. Alle solite voci dei due fratelli Aquer, di Guazzini e Passamonti, se ne mischiano delle altre. Parlano una lingua dura e non comprensibile alla maggioranza dei convenuti, sono i calciatori austriaci del Klagenfurth. La squadra della mitteleuropa sta compiendo una piccola tournée in Sardegna.



Il 30 dicembre del 1934 hanno giocato all’ ”Acquedotto” contro la Torres, il giorno di Capodanno si sono scontrati con gli azzurri del Monteponi sul loro campo di “Via Cattaneo”, il giorno dell’Epifania giungono finalmente a Nuoro per disputare un incontro con gli azzurri di casa. Fa freddo e piove tanto ma, come già detto, la folla gremisce lo stadio del capoluogo barbaricino. Agli ordini dell’arbitro federale Zuddas le squadre scendono in campo nelle seguenti formazioni:

U.S. Nuorese: Zoppi, Ledda, Pisano, Gaja, Passamonti, Asquer II, Murgia, Guazzini, Asquer I, X, Mocci.
Klagenfurth: Kollitsch, Melisnig, Hagenbart, Schimek. Serenig, Kosteinschegg, Werginz, Schmillischek, Pontasch, Herrmann, Fronck.
La cronaca dell’incontro riporta un sostanziale equilibrio per quanto riguarda la prima frazione, questo nonostante la pioggia non smettesse di martellare i calciatori per tutta la durata del match. Il Klagenfurth si porta in vantaggio su finire del primo tempo. Nella seconda frazione, nonostante gli sforzi, la Nuorese non riesce a riequilibrare il risultato, anche a causa del campo ormai ridotto ad un acquitrino. L’arbitro Zuddas, visto il persistere del violento temporale è costretto a fischiare il termine dalla contesa con dieci minuti d’anticipo. La Nuorese perde per 1 a 0. Considerando l’alto valore degli avversari e del calcio austriaco, tra i migliori al mondo in quel periodo, fu un ottimo risultato che faceva intravvedere i margini di crescita del calcio nuorese.

Mario Fadda



Altre notizie relative

Eccellenza, nessuno molla i sogni Il punto sul massimo torneo regionale dopo la quarta giornata
Cade la Nuorese, volano Guspini e Muravera Il Sorso batte la capolista e si rilancia
Eccellenza, Nuorese sola in vetta Guspini bloccato dal Tonara, vince il Muravera

...e tu cosa ne pensi?

300