Joao Pedro al tiro contro la Sampdoria (foto: Zuddas)

Joao Pedro al tiro contro la Sampdoria (foto: Zuddas)

Joao Pedro, assieme all’avvocato Ernesto de Toni, è stato ascoltato per un’ora e mezza dalla procura antidoping, per cercare di spiegare la positività all’idroclorotiazide, un diuretico, rilevata in due controlli consecutivi dopo le partite in casa di Chievo Verona e Sassuolo.



“Lui non ha fatto nulla, è certamente qualcosa di non voluto”, ha detto il legale, parlando della possibilità che a far cadere in fallo il brasiliano sia stato un integratore. “Non c’è altra spiegazione”, ha detto ai cronisti presenti. “Oggi che ha visto la procura è molto più sereno perché ha potuto spiegare”, ha detto de Toni, precisando come non ci sia stata una terza positività anche al termine di Cagliari-Napoli. “Questo è sintomatico e ci rende molto più fiduciosi”, ha concluso De Toni.

Altre notizie relative

Piccoli batte Cagliari, gioia Atalanta A Mandas la Primavera di Canzi capitola nel finale | CRONACA E TABELLINO
Barella: “Sono parte di un popolo” Le parole del centrocampista cagliaritano a Sportweek
Ceppitelli: “Fiorentina, io e il Cagliari stiamo bene!” Il difensore elogia Maran, Srna e Bradaric: "Ora siamo maturi"

...e tu cosa ne pensi?

300