.

.

Luna Rossa, che sbarcherà prossimamente a Cagliari per preparare il ritorno nella America’s Cup, sta iniziando i sopralluoghi in città per capire dove e come mettere in piedi il suo quartier generale. Servon ospazi ampi e comodi, utili per lavorare al meglio e sviluppare l’imbarcazione che dovrà nuovamente far sognare i suoi sostenitori e gli appassionati.



Lo skipper e team director Max Sirena, assieme al presidente dell’Autorità portuale della Sardegna Massimo Deiana e dai funzionari dell’area tecnica dell’ente, ha esaminato a lungo il molo Ichnusa, che in questo momento è favorito per diventare la casa di Luna Rossa. La prima tranche del team dovrebbe arrivare tra novembre e marzo, con i settori progettazione, management e design. I componenti del Team Prada saranno circa novanta, e hanno bisogno di trasferire a Cagliari la loro vita e quella di familiari che vivranno con loro. Basta questo per capire le molteplici esigenze da soddisfare.

Se non sarà il Molo Ichnusa, si potrebbe allestire il quartier generale nel molo Sabaudo, dove fino all’aprile 2015 Luna Rossa albergava, prima del cambio delle regole e la rinuncia a competere. Oggi quella struttura si trova in Toscana, e da lì andrebbe recuperata e rimontata.

“Dobbiamo realizzare la base operativa simile alla prima volta”, ribadisce Sirena, “stiamo cercando una sede comoda, semplice e interna all’area portuale, per poter svolgere al meglio l’attività tecnica e quella sportiva. Le alternative sono due: erigere strutture ex novo su uno spazio grande abbastanza oppure appoggiarci a un edificio già esistente, realizzando a parte le tensostrutture per operazioni tecniche legate alle barche”.



...e tu cosa ne pensi?

300
error: Funzionalità disabilitata