Bernardo Mereu

Bernardo Mereu



L’impegno è ostico. Molto più di quanto la classifica lasci intendere. L’Olbia si prepara alla sfida contro il Cuneo, squadra ancora imbattuta in trasferta. I galluresi, però, cercano continuità dopo il successo di Arezzo. Tutti ingredienti che lasciano presagire 90′ di fuoco: “Dobbiamo farci trovare pronti e tirare fuori il carattere come abbiamo fatto in tutte le partite sinora disputate – ha affermato Bernardo Mereu alla vigilia della gara contro i piemontesi – Il Cuneo merita rispetto, ma noi dobbiamo pensare a difendere la vittoria di Arezzo. Dobbiamo dare peso a quell’impresa. Voglio la rivincita dopo la vittoria”.

Vietato pensare al derby, in programma tra otto giorni: “L’unica partita che conta è la prossima. Davanti ai nostri occhi ci sono il Cuneo e tutte le difficoltà che questa sfida comporta. Mi aspetto una squadra determinata, che sappia applicare quanto preparato in settimana. Ai ragazzi ripeto sempre che la domenica per loro deve essere un momento spirituale, il punto di arrivo di un percorso al termine del quale tutte le energie e le risorse devono essere state espresse. Domani vorrei una carica di entusiasmo, calore ed energia da parte del pubblico per spingere i ragazzi in ogni corsa e in ogni giocata. La partecipazione dei tifosi è fondamentale, una squadra senza il sostegno dello stadio è come una bella canzone privata della musica”. 

Il tecnico apre poi una parentesi sui singoli: “Sulla trequarti disponiamo di Murgia e Biancu, giocatori diversi ma con caratteristiche importanti per noi. Murgia ha fatto un ottimo secondo tempo ad Arezzo e sta crescendo molto, mentre Biancu si è reinserito bene nel gruppo e a ha esordito dimostrando subito volontà e spirito di sacrificio. Ogunseye? Ho sempre detto che è un ottimo giocatore. Le sue qualità stanno venendo fuori, ma anche quando non ha segnato le prestazioni sono state sempre più che sufficienti”.





Lascia un commento