Giuseppe Tortora, allenatore della Torres

Giuseppe Tortora, allenatore della Torres

Il tecnico della Torres, Pino Tortora, non usa giri di parole per commentare la situazione e l’eliminazione dei rossoblù per mano del Valledoria, in Coppa Italia di Eccellenza.



“La delusione è tanta – dice Tortora -, queste sono partite alla portata per una squadra come la Torres. Penso che oggi questa squadra non possa fare molto più di quanto visto oggi, sono rabbuiato perché i ragazzi hanno dato tutto costruendo quindici palle gol. Avevamo tutto il tempo per recuperare, il rigore del vantaggio del Valledoria per me era dubbio, adesso bisogna stare tranquilli e lavorare, con il presidente avevamo già parlato e siamo d’accordo sulla situazione. Dopo il primo tempo molti giocatori erano praticamente scoppiati, adesso bisogna inserire qualche giocatore, tenere duro fino a dicembre, non perdere troppo terreno, e l’obiettivo principale è vincere a Gavoi. Non sono uno abituato a perdere, sono venuto qui per fare bella figura, sono sicuro che se terremo botta il presidente a dicembre ci darà una grossa mano aggiustando la squadra. In questo momento la squadra non può reggere due obiettivi come campionato e Coppa, paradossalmente uscire dalla Coppa Italia può essere un bene, ora bisogna puntare ai playoff, ma ciò che conta è non perdere rabbia e motivazioni. Bisogna tenere duro fino a dicembre, ma se si vogliono conseguire certi traguardi bisogna avere giocatori adeguati. Il presidente sa cosa serve, è il primo tifoso, non ho dubbi che farà il suo”.





Lascia un commento