Le ragazze della Sassari Torres Femminile

Le ragazze della Sassari Torres Femminile

Un derby per dare la caccia della prima vittoria. Domenica 29 ottobre alle 14:30 la Sassari Torres Femminile ospiterà l’Atletico Oristano sul campo del CUS (al “Vanni Sanna”, in contemporanea, sarà di scena il Latte Dolce), in un derby di Sardegna che riporta il calcio nazionale femminile a Sassari a distanza di due anni dal doloroso fallimento firmato Domenico Capitani.



Le rossoblù, dopo aver riposato alla prima giornata e ottenuto un ottimo pari sul campo della Riozzese con Grassino e Ladu sugli scudi, cercheranno di bagnare l’esordio casalingo contro le cugine oristanesi con un successo che possa dare continuità e slancio a una rosa molto giovane chiamata a difendere con il coltello tra i denti la categoria conquistata lo scorso anno. “Siamo partiti a fari spenti, come è giusto che sia” – spiega il presidente sassarese Andrea Budroni – “ma non nascondiamo la felicità derivata dal fatto di essere riusciti a restituire ai colori rossoblù una parte del lustro che meritano. La nostra è una delle squadra con l’età media più bassa del girone e questo non può che inorgoglirci perché sappiamo di potercela giocare con tutti. A maggior ragione se il gruppo viene guidato da un mister come Tore Arca, quel valore aggiunto che le nostre concorrenti non hanno”.

A Riozzo, la Torres ha lasciato intravedere segnali incoraggianti, mancando i tre punti più per episodi sfortunati che per reali demeriti. “Abbiamo dato un bel segnale al campionato e ricevuto ottime risposte dal campo” precisa Budroni. “Sappiamo che con impegno e spirito d’abnegazione le ragazze nel corso del campionato potranno crescere e togliersi le soddisfazioni che meritano. Iniziamo con la sfida di domenica con l’Oristano, poi penseremo alla difficile gara con le Azalee“. Buone notizie arrivano dagli uffici, dal momento che le rossoblù potranno finalmente contare sul portiere inglese Bethanie Griffiths, sinora tenuta ferma dalla burocrazia relativa al tesseramento. L’Oristano, da par suo, ha fatto registrare un avvio di campionato di tutto rispetto, vincendo sul campo del Caprera all’esordio e fermando sull’1-1 il Como tra le mura amiche. Come a dire che la batosta di Coppa rimediata in estate contro le sassaresi è ora solo un brutto ricordo da riscattare.

Step by step, questo il tarlo mentale di una Torres che “ambisce a consolidare la categoria” e che proprio oggi ha lanciato la campagna abbonamenti 17/18 (CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO). L’obiettivo è di cercare sin da subito di non rimanere invischiata nella larghissima zona retrocessione prevista dalla mega riforma dei campionati. Solo la vincitrice del girone, infatti, verrà automaticamente promossa in Serie A, mentre la seconda e la terza classificata conquisteranno il diritto a giocare i playoff e la certezza di disputare quanto meno la Serie B nella stagione 2018/19. Per le restanti squadre (di tutti i quattro i gironi) sarà retrocessione nella nascitura terza serie interregionale. Una sfida nella sfida, in un calcio femminile che tenta finalmente di rilanciarsi e con esso anche il blasonato movimento isolano.



Altre notizie relative

Torres femminile, col Bellante si giocherà Il giudice sportivo dà ragione al club di Budroni
Torres, Mayla Cocco si racconta Le parole della centrocampista rossoblù
Calcio Donne: pari Caprera, brusco stop Torres Rinviata la gara dell'Atletico Oristano

...e tu cosa ne pensi?

300