Gli Sconvolts, gruppo organizzato di ultras cagliaritani, al San Paolo di Napoli (foto: Pietro Mosca)

Gli Sconvolts, gruppo organizzato di ultras cagliaritani, al San Paolo di Napoli (foto: Pietro Mosca)

Provvedimento di DASPO (il divieto di assistere a manifestazioni sportive di ogni genere e categoria) ai danni di un tifoso cagliaritano che aveva preso parte alla trasferta di Napoli, lo scorso 1 ottobre. Dentro lo zaino – si apprende dalla nota emessa dalle autorità competenti – aveva dei fumogeni e anche droga, emersa dopo una perquisizione più dettagliata. Fermato allo stadio “San Paolo”, quando la trasferta dei tifosi cagliaritani era stata “aperta” senza obbligo di Tessera del Tifoso o restrizioni di alcun tipo (come già in precedenza a Ferrara contro la Spal e poi a Roma contro la Lazio), il cagliaritano è stato raggiunto da DASPO (durata due anni) per mano del questore di Napoli. Il primo controllo era stato eseguito dagli steward dello stadio “San Paolo”, quindi l’intervento della Polizia.



Altre notizie relative

L’Olbia contro il cuore di Giulini La società bustocca è molto cara al presidente rossoblù
Conti: “Difficile trattenere Barella” L'ex capitano, ora dirigente: Bisogna sostenere Sau, i sardi e Farias
Il Cagliari studia stadi in Inghilterra Viaggio nel Regno Unito per Giulini, Signorelli e Passetti: come sarà lo stadio?

...e tu cosa ne pensi?

300