Leonardo Pavoletti (foto: Gianluca Zuddas)

Leonardo Pavoletti (foto: Gianluca Zuddas)

Rafael 5 – Non da mai sensazione di sicurezza, sbroglia un paio di palloni infidi nel primo tempo ma nella ripresa capitola (con colpe) e rischia di combinare altri guai.

Romagna 5.5 – Il meno peggio in difesa, ma anche lui annaspa quando da quella parte il Torino preme con la qualità e la gamba dei suoi incursori (87′ Giannetti s.v. – Pochi minuti per aggiornare il curriculum e ricordarsi di cosa si prova)



Andreolli 5 – Il Belotti di oggi lascia a desiderare, la difesa da lui guidata non brilla per efficacia. Combatte, si gioca un dente, ma la sua prestazione è raffazzonata.

Capuano 4.5 – Un colpo di testa fuori di poco che poteva essere gol del nuovo vantaggio è la cosa migliore in una serata dove non brilla per velocità e tempestività. Da marcatore mancino in una difesa a tre dovrebbe fare molto meglio.

Faragò 5.5 – Parte in modo incoraggiante, poi si spegne e finisce in balia delle onde sulla catena di destra che comunque soffre dall’inizio.

Barella 6 – Anche lui dura un tempo, però corre per due e segna un gran gol. Non preciso né puntuale in aiuto a Faragò, commette ingenuo fallo da rigore e viene graziato (69′ Sau 5 – Non pervenuto quando il Cagliari gli chiede un cambio di passo)

Cigarini 5 – Compitino, gioco semplice, calma piatta: è stato preso per altri standard di rendimento. E’ ancora in grado di garantirli?

Joao Pedro 5 – Non è nemmeno colpa sua se ogni tanto qualcuno si sveglia e lo schiera mezzala, dove non può giocare e ha sempre fatto male dal 2014 ad oggi. Non entra mai in partita, si innervosisce e rischia anche il rosso.



Padoin 4.5 – L’impressione è che tutta la fascia da coprire sia davvero troppo, ritorna ai patemi di quando veniva piazzato nel ruolo di terzino senza nessuno davanti, inseguendo l’uomo e non penetrando mai. Veniva da una discreta gara da mediano. (78′ Miangue 5 – Pochi minuti ma lascia l’idea di un combinatore di disastri con e senza palla, non smentendo chi non gli dà fiducia)

Farias 5.5 – Assist a pulire un’altra serata dove si segnala per fumosità e fronzoli fuori luogo. Senza fantasia o brillantezza è un giocatore fuori categoria, in senso negativo.

Pavoletti 5 – Poco rifornito, a parziale discolpa. Non la vede mai, sbaglia anche sponde banali, lotta ma non può bastare.

All. Lopez 4.5 – Cambia molto, anche stupendo, e ottiene pochissimo. Il turnover non appare sufficiente per giustificare uno sconvolgimento così poco produttivo: Joao Pedro mezzala e Padoin fluidificante pagano dazio, Farias si conferma quello visto con il Genoa, un Torino pieno di problemi finisce per comandare. Crollo verticale nella ripresa, meccanismi difensivi rivedibili, tenuta della squadra tutt’altro che stagna. Situazione complicata, la speranza è che lui (come lo staff che lo accompagna) sappia migliorare le cose. Giulini (oggi in panchina per vedere da vicino) dice di essere contento della scelta e di avere fiducia.

TORINO (4-3-3): Sirigu 6, De Silvestri 6, N’Koulou 6.5, Moretti 6.5, Ansaldi 6.5, Acquah 5.5 (56′ Obi 6.5), Valdifiori 5.5, Baselli 6.5, Iago Falque 6.5 (87′ Berenguer s.v.), Belotti 6, Ljajic 7. All. Mihajlovic 6

Fabio Frongia



Altre notizie relative

Mancini: “Barella è fenomenale” Il centrocampista del Cagliari: Grande gara, peccato!
Pavoletti lavora ancora a parte Problema agli adduttori per il centravanti
“Il Cagliari non c’entra con la lotta salvezza” Le parole di Gian Piero Gasperini sulla squadra rossoblù

...e tu cosa ne pensi?

300