Giuseppe Tortora, con lui la Torres ha svoltato dopo le prime difficoltà (foto: Alessandro Sanna)

Giuseppe Tortora, con lui la Torres ha svoltato dopo le prime difficoltà (foto: Alessandro Sanna)

In sala stampa, dopo Torres-Ferrini Cagliari 2-0, è grande la soddisfazione dell’allenatore rossoblù Pino Tortora, che esalta i suoi per la crescita  costante e un grande primo tempo. “E’ troppo bello per essere vero – attacca in sala stampa -, chiedo sempre un calcio aggressivo e fatto di grande dinamismo, non sempre è facile attuarlo. Nel primo tempo abbiamo giocato alla grande, con 10-12 opportunità per segnare. I ragazzi sono stati bravi, nella ripresa abbiamo controllato, sono felice perché la squadra cresce e mi segue. Sono molto fiducioso, il cammino è lungo”.



Nella ripresa una leggera flessione. “Il calo è fisiologico, ci sta che la squadra abbia meno spinta e forza per tenere corte le distanze. Non è facile per nessuno dare continuità ai ritmi devastanti che abbiamo tenuto nel primo tempo. Una delle priorità era sistemare l’assetto difensivo, le cose stanno procedendo bene”.

La crescita si vede in tutti i reparti. “E’ evidente che ci sia un miglioramento. Venivamo da un 4-0 in trasferta, oggi è arrivata questa bella vittoria. La squadra ha capito che giocare in una piazza come Sassari non è usuale, così come allenare. Sono positivo, servono altri giocatori per tenere determinati ritmi, abbiamo un solo centravanti e necessitiamo di altri elementi un po’ in tutti i reparti”.

Su Mannoni. “Lo sto inserendo piano piano, darà certamente il suo contributo. Deve entrare nel nostro meccanismo di gioco, per i centrocampisti non è semplice capire subito il sistema, oggi Piga, Scioni e Cocco mi danno garanzie. Fabio gioca più arretrato rispetto a come era abituato, ma sta  facendo bene perché ci dà geometrie e qualità.



Questo il commento di Alessandro Bonu, capitano e bandiera della Ferrini Cagliari. “Non siamo venuti per limitare i danni, anche perché stiamo giocando un ottimo campionato, purtroppo l’impatto non è stato dei migliori. A 20′ dalla fine c’è stata una bella parata di Tore Pinna e lì potevamo ripartire la gara, diciamo che la gara di oggi ci servirà per crescere perché a volte devi capire che è meglio andare in verticale e giocare sui contrasti anziché voler sempre costruire dal basso. I primi 20-25 minuti sono stati un po’ regalati da parte nostra, forse non ci aspettavamo un inizio così veemente da parte loro, probabilmente abbiamo pagato lo scotto con l’ambiente, che non è certo da Eccellenza. Migoni deludente? Viene da un mese e mezzo di stop, ha grandi qualità, ha provato a stringere i denti”.

dall’inviato Fiorenzo Pala



Altre notizie relative

Tortora: “Esonero? Serviva una scossa” Le parole dell'ex allenatore torresino dopo l'esonero
Maretta Torres, tra mugugni e confronti Giacomo Demartis potrebbe già lasciare
Udassi fa piangere la Torres: 0-3 Il Sassari Latte Dolce batte i cugini nel derby di Coppa Italia

...e tu cosa ne pensi?

300