Giovanni Rossi, ds del Cagliari, e Tommaso Giulini

Giovanni Rossi, ds del Cagliari, e Tommaso Giulini

Ancora poche ore prima del gong finale di questa sessione di calciomercato. Poche le trattative concrete in quest’ultimo mese, ancor meno gli affari. Come da tradizione, ormai, saranno decisive le ultime 24 ore. Da martedì, presente all’Hotel Melià di Milano (teatro ufficiale delle contrattazioni) anche una delegazione del Cagliari, composta dal direttore sportivo Giovanni Rossi e dal vice-presidente Stefano Filucchi.

Nonostante i tre innesti (Castan, Lykogiannis, Ceter) delle ultime settimane, infatti, la rosa a disposizione di Diego Lopez necessiterebbe ancora di qualche rinforzo. Qualora le condizioni fossero favorevoli, i sardi potrebbero inserire un centrocampista di interdizione per allungare le rotazioni in mezzo. Meno probabile l’arrivo di un laterale (Letizia e Rispoli i nomi fatti a ripetizione da radiomercato), vista la presenza in organico di Faragò, Padoin e Lykogiannis. L’innesto di una punta, invece, è – come noto – legato alla partenza di almeno uno tra Farias e Giannetti, per i quali le offerte sembrano latitare. Quest’eventualità potrebbe portare al ritorno in rossoblù di Han Kwang Song, su cui, nella serata di ieri, si è espresso anche il presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre. Quella del nordcoreano, in prestito agli umbri dalla scorsa estate, sembra essere l’unica pista calda per l’attacco, ma è legata alle situazioni dei due di cui sopra.



Per quanto riguarda l’esterno, sembrano complicate le strade che portano a Letizia (Benevento) e Rispoli (Palermo), vecchi “pallini” rossoblù. I sanniti, infatti, appaiono abbottonati, così come i siciliani non sembrano intenzionati a privarsi di uno dei propri punti di forza in questa volata per la Serie A. Il nome più concreto riguarda la mediana, ed è quello di Isaac Cofie, centrocampista ghanese classe 1991 di proprietà del Genoa, con un passato al Chievo e al Carpi. Altri nomi messi nel calderone, in attesa di riscontri reali e concreti, sono quelli di Luca (33 anni) e Nicola Rigoni (27), di proprietà rispettivamente del Genoa e del Chievo, centrocampisti in uscita delle rispettive società ma meno in linea (rispetto, per esempio, a Cofie) con l’identikit di un interditore come è quello cercato dal Cagliari.

Quel che è certo, è che saranno ore calde, in attesa dell’ufficialità del divorzio da van der Wiel e del probabile prestito in cadetteria di Miangue. Il Cagliari ha urgenza di rinforzi: quale sarà il regalo (o i regali) della società per Diego Lopez?

Stefano Sulis


Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300