Mattia Muroni, tra i migliori dei suoi domenica salterà per squalifica la partita a Pistoia

Mattia Muroni, tra i migliori dei suoi domenica salterà per squalifica la partita a Pistoia (foto: Roberta Marongiu)

Aresti 6.5 – Decisivo su Belfasti in avvio, attento nel resto. Sbaglia qualche rinvio.

Pisano 6 – Rimane guardingo contro l’intraprendenza di Belfasti e Ricci. Esce per un infortunio muscolare (dal 35′ Pinna 6 – Ha il suo bel da fare su quella fascia, mette dentro qualche palla interessante e fa buona guardia).

Iotti 6.5 – Mastroianni non la prende mai, merito suo e di Leverbe, pressoché perfetti. Sfiora il gol con un’incornata fuori di poco.

Leverbe 6.5 – Elegante ed efficace, si concede anche alcuni slanci palla al piede.



Cotali 6.5 – Inesauribile stantuffo a sostegno di Ragatzu, dalla sua parte non si passa. Cala un po’ nell’ultima mezz’ora.

Pennington 6 – Meno preciso del solito, è però sempre presente nel dare fosforo e verticalità. Per poco non timbra il vantaggio in “estirada” al 5′ (dal 58′ Murgia 5 – Non entra bene, non si accende e non dà cambio di passo, appare in netta difficoltà).

Muroni 7 – Regia sapiente e continua, giocatore tosto nella posizione di frangiflutti. Matura sempre di più. Per lui anche conclusioni in porta e tentativi di imbucata difficili ma pieni di personalità. Peccato per il giallo preso sul finale di primo tempo che gli farà saltare la gara di Pistoia.

Feola 6 – Ci prova ma non incide, taglia spesso in profondità per fornire un’opzione offensiva in più ma non lo si vede mai al momento topico.

Vallocchia 6.5 – Parte in sordina, cercando la posizione, poi si prende la squadra sulle spalle e gioca a tutto campo. Giocatore possente e generoso, ha ampi margini di miglioramento.

Ragatzu 6.5 – Sa di essere isolato e questo lo porta a forzare la giocata, tenere palla un po’ troppo e sprecare energie. L’Olbia, però, si accende quasi esclusivamente sui suoi spunti, che prova a produrre fino alla fine.



Senesi 6 – Gara difficile, come il suo prosieguo di stagione da panzer che non ha tali crismi. Regala però alcune fiammate palla al piede, producendo cross e due ammonizioni piacentine (dal 73′ Silenzi 6 – Entra per sgomitare, pasticcia ma ogni tanto trova anche lo spazio per portare su la squadra).

Allenatore: Bernardo Mereu 6 – Difficile fare miracoli senza punte di peso. La sua squadra tiene bene il campo, fa il massimo delle sue possibilità ma ha oggi dei limiti impossibili da non vedere. Il punto è prezioso perché perdere sarebbe stato gravissimo. Si gode le note liete arrivate da difesa e centrocampo, e chiederà un ennesimo miracolo a Ragatzu

Fabio Frongia


Altre notizie relative

Olbia, l’ora è arrivata Mercoledì al Nespoli arriva l'Alessandria, obiettivo riscatto dopo 3 sconfitte di fila
Ogunseye: “Pensiamo subito alla prossima” Le parole nel post-partita di Ogunseye
Filippi: “Sconfitta meritata” (VIDEO) Deluso a fine partita l'allenatore dell'Olbia Michele Filippi (VIDEO)

...e tu cosa ne pensi?

300