Fabio Aru

Fabio Aru

In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il ciclista sardo Fabio Aru ha tolto tutti i suoi veli sulla stagione. Quest’anno dopo il Giro d’Italia staccherò, quindi niente Tour de France: farò la Vuelta in chiave Mondiale”. In precedenza, invece, nel programma ci saranno: “Dopo l’Abu Dhabi Tour farò Tirreno-Adriatico e Volta a Catalunya, voglio tornare al Tour of Alps (ex Giro del Trentino), è una di quelle gare che ho saltato e sono stati momenti duri che mi hanno fatto toccare il fondo. Non escludo la partecipazione alla Liegi-Bastogne-Liegi”. 



Il Cavaliere dei Quattro Mori torna poi sulla scelta di partecipare al Giro d’Italia: “Sono poche le persone – dice al collega Ciro Scognamiglio – che sanno quanto ho sofferto per non avere potuto partecipare l’anno scorso: è una ferita ancora aperta, brucia ancora non essere stati al via dalla Sardegna”. Ora nell’immediato futuro c’è l’Abu Dhabi Tour, gara di casa per gli sponsor della squadra del sardo: dopo tre tappe interlocutorie, Aru potrà testarsi in una cronometro di 11 km (24 febbraio) e nell’ormai celebre arrivo in salita di Jebeel Hafeet (10 km con pendenza max di 11%). Per la corsa la UAE Team Emirates schiererà alcune delle sue punte di diamante come il campione europeo Kristoff, Diego Ulissi e Rui Costa vincitore nell’edizione 2017 della classifica generale dell’Abu Dhabi Tour.



Altre notizie relative

Guangxi, prima tappa tranquilla per Fabio Aru Il villacidrese termina in gruppo al debutto nella corsa cinese
Aru: “In questo 2018 mi è mancato qualcosa” Le parole del sardo prima del Tour of Guangxi
Giro di Lombardia anonimo per Aru Il villacidrese staccato sul Sormano, vittoria per Pinot

...e tu cosa ne pensi?

300