Gianfranco Zola (foto Gianluca Zuddas)

Gianfranco Zola (foto Gianluca Zuddas)

Cagliari-Napoli è anche la sua partita. La partita di Gianfranco Zola. Da una parte la squadra del suo cuore, quella che ha riportato in Serie A e con cui ha abbassato il sipario sulla sua carriera. Dall’altra quella che lo ha paracadutato nel grande calcio, e che adesso si contende lo Scudetto con la Juventus. Ma il folletto di Oliena non si sbilancia in pronostici.

“Nessun pronostico – ha affermato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport – Ho visto il Cagliari contro la Juve, ha intensità e con Lopez è passato a tre dietro, scelta giusta. A inizio stagione dissi che la squadra era di qualità con Cigarini, Barella, Ionita e tre attaccanti. Ma sono mancati gli equilibri dietro. Adesso c’è da rammaricarsi per la sconfitta contro il Chievo. Contro il Napoli sarà una partita bella e combattuta. La squadra di Sarri va a memoria, si trova su schemi e giocate su cui c’è poco da fare. Penso sia la stagione buona per lo Scudetto”.



Classifica alla mano, i rossoblù rischiano ancora le zone calde? “Non vedo rischi. Benevento, Spal e Verona sono in difficoltà. Il Cagliari ha un buon margine, ma meglio tenere alta la tensione e arrivare a 35/36 punti. Forse bastano meno di 10 punti, ma prima li fai e meglio è”.

Capitolo Barella: è pronto per il salto di qualità? “Un ottimo giocatore che deve terminare la maturazione. L’importante è che vada in un club dove abbia fiducia e trovi spazio. L’Inter? Potrebbe essere il posto adatto”. Ma c’è un altro Zola in circolazione? “Per il calcio italiano mi auguro ce ne siano tanti”



Altre notizie relative

Lotta agli infortuni: la nuova sfida di Maran Col Napoli tante defezioni per infortuni e squalifiche
Faragò: “Pronti a sfruttare la minima occasione” Le parole del laterale destro prima della gara col Napoli
Giulini: “Barella via subito? No! Fiducia sullo stadio” Il patron rossoblù a 360° sull'universo Cagliari

...e tu cosa ne pensi?

300