L'Eden Arena da una visuale aerea

L’Eden Arena da una visuale aerea

Non solo la gita ungherese dello scorso novembre (leggi qui la nostra anteprima), il Cagliari è ormai da tempo impegnato con i suoi vertici nell’esplorare e studiare i vari stadi d’Europa che potrebbero ispirare il suo. Intanto, dopo tutto l’iter burocratico-amministrativo, la prossima tappa sarà la presentazione di tre idee di progetto da parte degli studi di architetti tra i quali (entro aprile) verrà scelto quello incaricato di redigere il progetto definitivo. Appuntamento mercoledì 28 febbraio al Lazzaretto di Sant’Elia (leggi qui).

CLICCA QUI – Tutte le notizie su stadio e non solo riguardo al Cagliari!



Oltre alla Groupama Arena di Budapest, casa del Ferencvaros, l’entourage rossoblù ha preso visione anche della Eden Arena di Praga, casa dello Slavia dal 2008, dopo l’inizio dei lavori nel 2006, in seguito a diversi rinvii e problemi che avevano portato ad un ridimensionamento della capienza e del budget per la costruzione. Chiamato (per via dello sponsor) Synot Tip Arena fino al 2014, ospita anche le partite della Nazionale ceca, oltre ad essere stato sede della Supercoppa Europea 2013 tra Bayern Monaco e Chelsea e della fase finale degli Europei Under 21 del 2015. Nato sulle ceneri del vecchio stadio Eden (datato 1953), è costato circa 35-40 milioni di euro. Il capo progettista e architetto fu Martin Kotík , assieme a Daniel Dvořák e Leoš Zeman. Kotik però non fu completamente soddisfatto del risultato finale, perché esso fu completamente diverso dalle idee progettuali iniziali

CLICCA QUI – Signorelli: “Proveremo un altro miracolo”

CLICCA QUI – Ecco cosa succederà al Lazzaretto di Sant’Elia il 28 febbraio: “Nuovo stadio nel 2021-’22? Se tutto andrà bene…”

L'interno dello stadio di Praga

L’interno dello stadio di Praga

L’Eden Arena è costruito su una superficie di circa 22.000 metri quadrati. Il tetto è ad un’altezza di 22 metri sopra il livello di terra. La struttura ancorata ai pilastri di cemento è costituita principalmente da elementi prefabbricati in calcestruzzo e monoliti. Il tetto in acciaio che protegge gli spettatori dalle intemperie è integrato in modo tale che la visuale dalla tribuna non sia ostruita da nessuna colonna. Sono 20,617 i posti a sedere, con 40 VIP Boxes da 400 posti totali. L’illuminazione è da 1700 lux, il parcheggio da 1300 posti auto e 25 posti autobus. Sono 2 i maxischermi 5×7, quindi ecco fan shop, hotel 4 stelle da 150 posti nell’ala nord, ristorante vista campo, fast food e bar. In più son presenti spazi per uffici e aree commerciali, sale per conferenze stampa, attività di formazione di dipendenti o eventi aziendali. Ha ospitato numerosi concerti tra cui quelli di Metallica, Iron Maiden, R.E.M., Depeche Mode, Red Hot Chili Peppers, Coldplay, Pink, Bruce Springsteen e Jon Bon Jovi.

Fabio Frongia



Altre notizie relative

“Stadio, ritardo? Dipende da coperture” Così il presidente del Cagliari Giulini sul nuovo stadio
“Cagliari sardo? Difficile, guardate Murru” Così il presidente rossoblu sulle prospettive di un Cagliari sardo
Giulini: “FIGC? Potevamo convincere Moratti” Il presidente del Cagliari sui problemi del calcio italiano

...e tu cosa ne pensi?

300