Salvatore Sechi (foto: Alessandro Sanna)

Salvatore Sechi (foto: Alessandro Sanna)

Non poteva mancare la contro-replica di Salvatore Sechi, presidente della Torres, nella vicenda che vede contrapposto il presidente rossoblù al Direttore Generale, Gianfranco Satta, protagonista prima di un post ironico su Facebook, rivolto al Cagliari ma anche alla sua società, poi di una dura risposta alla nota di dissociazione del club.



Sechi ha affidato come sempre al quotidiano La Nuova Sardegna il suo pensiero. “Satta aveva carta bianca nella costruzione della Torres, ha scelto di fare il direttore generale e aveva promesso un campionato trionfale, annunciando ai tifosi che si sarebbe dimesso se la Torres non fosse stata prima a Natale. Tutti hanno visto come sono andate le cose, siamo stati costretti a cambiare allenatore e correre ai ripari sul mercato. Nel momento più delicato della stagione – continua Sechi – dopo le sconfitte con Tonara e Monastir, Satta si è dissociato pubblicamente dalle scelte della dirigenza e non si è fatto sentire né con noi né con la squadra. Mi sarei aspettato le dimissioni, come aveva promesso e non il veleno che ha messo in giro in questi giorni. Andiamo avanti e pensiamo a domenica”.

La Torres giocherà domenica in casa della Ferrini, a Cagliari, per una sfida molto importante nella lotta verso i playoff, dove bisogna contendere a Stintino (seconda), Sorso, Atletico Uri e Samassi il miglior piazzamento possibile dietro la capolista Castiadas, ormai promossa in Serie D.

Altre notizie relative

Carboni, auto in fiamme: “Ma non mollo la Torres” Indagini in corso per accertare eventuali legami con l'attività sportiva
Sechi: “Non fischiateci! Torres sul mercato” Il numero uno rossoblù dopo il tonfo nel derby: "Ci rialzeremo"
Giovedì c’è Tempio-Torres Alle 18 al "Nino Manconi" test tra due società amiche

...e tu cosa ne pensi?

300