Federico Pasquini

Federico Pasquini

Archiviata la gara del Forum d’Assago con Milano, la Dinamo Sassari parte per la sua nuova avventura in FIBA Europe Cup. La squadra di Federico Pasquini ospiterà i francesi dell’ESSM Le Portel al PalaSerradimigni.



Così il coach alla vigilia: “Questa partita casca a pennello, abbiamo bisogno di tornare in campo subito dopo la figuraccia dell’altro giorno e dobbiamo utilizzare la sfida di domani per tirare fuori tutta la delusione e la rabbia che la sconfitta di Milano ci ha lasciato. Giochiamo contro una squadra che in campionato francese sta avendo un rendimento normale, figlio di una striscia di 5 sconfitte di fila un paio di mesi, dalla quale sono usciti giocando a viso aperto con tutti. Hanno perso contro Monaco due giorni fa dominando la partita e gettandola via nei minuti finali. Le Portel è una squadra con otto giocatori di colore, per cui molto fisica e atletica, che gioca molto sporco. Sappiamo che domani sarà una battaglia, la prima una partita di 80 minuti dove quello che conta è non staccare mai -lo sappiamo molto bene dallo scorso anno- perché poi te lo porti dietro la prossima settimana nella sfida che decide il passaggio del turno”.

Che partita si aspetta?

“Sarà una di quelle partite dure e importanti contro una squadra che in Fiba Europe Cup ha 13 vinte su 14 partite, quindi non potremo permetterci nessuna forma di presunzione sottovalutando il nostro avversario, dovremo fare il nostro meglio negli 80 minuti per passare questo turno”.

Contro Milano avete pagato il gap iniziale?

”Se si approccia in quella maniera, partendo sotto 14-1, anche se ti riporti in parità basta che uno di quei 5 giocatori che hanno condotto la rimonta abbia un momento di stanchezza, come è successo con Hatcher che ho dovuto togliere o il terzo fallo di Tavernari che lo ha confinato in panchina, per toccare qualcosa di quell’incastro che era perfetto in quel momento e ritornare nel down iniziale. Abbiamo dato grande fiducia a Milano in avvio e negli ultimi 4 minuti del secondo quarto ed è diventata una partita ridicola dal punto di vista difensivo nostro dove loro hanno fatto tre punti al minuto”.



La sfida con Le Portel è un passaggio importante per il cammino europeo…

“A prescindere dall’avversario domani sera chi non avrà il fuoco dentro starà seduto. Giochiamo domani sera per vincere, per toglierci Milano dalla schiena e trovare il miglior margine possibile in vista del viaggio in Francia, perché giocare in casa loro è molto pericoloso. Domani sera dovremo essere bravi a chiudere questo primo tempo con il maggior margine possibile ma soprattutto dobbiamo dare una risposta a noi stessi perché quello che si è visto l’altro giorno è inaccettabile”.

Altre notizie relative

Esposito: “Tutti si devono sentire titolari” Le parole del coach della Dinamo Sassari prima della seconda di FIBA Europe Cup
Esposito: “Non preoccupiamoci del fattore campo” Le parole del coach della Dinamo Sassari prima della gara di Brindisi
Esposito: “Guardiamo a noi stessi” Le dichirazioni del coach della Dinamo Sassari prima della trasferta di Leicester

...e tu cosa ne pensi?

300