Travis Diener nella Coppa Italia 2014, vinta dalla Dinamo per la prima volta

Travis Diener nella Coppa Italia 2014, vinta dalla Dinamo per la prima volta

Inutile sottolinearlo, questa vigilia è speciale. Inevitabilmente. Travis Diener prepara il ritorno al PalaSerradimigni, avversario di quei tifosi che lo hanno amato come un figlio e di una città con cui ha stretto un legame indissolubile. “Speravo che questo appuntamento arrivasse il più tardi possibile – ha affermato il playmaker della Vanoli Cremona ai microfoni de La Nuova Sardegna – e oggi posso dire che sono eccitato, nervoso e felice di tornare in un posto nel quale io e la mia famiglia abbiamo vissuto il periodo più felice della nostra vita”.



“Sono stati anni splendidi – ricorda Diener – eravamo affamati e nessuno si risparmiava, ma essenzialmente ci divertivamo da morire tra noi, sia in campo che fuori. Ogni anno facevamo un passo in più. Trovare una chimica simile tra squadra, società e ambiente è veramente difficile. Ora magari alcune cose sono cambiate ma è normale. Però Sardara sta facendo un lavoro incredibile e la Dinamo resterà competitiva ancora per tanti anni”.

Oltre alle emozioni, sarà una sfida importante vista l’importanza dei punti in palio: “Loro avranno più pressione perché se vuoi andare ai playoff devi vincere sul tuo campo. Noi stiamo bene, abbiamo motivazioni e fiducia.” 



Altre notizie relative

Esposito: “Guardiamo a noi stessi” Le dichirazioni del coach della Dinamo Sassari prima della trasferta di Leicester
Dinamo, prima gioia in campionato I sassaresi sconfiggono in casa Varese 71-60
Esposito: “Parodi arma in più” Le parole del coach alla vigilia della gara con Varese

...e tu cosa ne pensi?

300