Roberto Zanda

Roberto Zanda

Le prime cure in Canada, dopo la grande paura, la presa di coscienza delle conseguenze in arrivo nel fisico, e ora la degenza ad Aosta. Roberto “Massiccione” Zanda, lunedì, sarà operato al “Parini” di Aosta e subirà l’amputazione dei piedi, della mano destra e di parte della mano sinistra. Questo il pegno da pagare alla partecipazione alla durissima Yukon Artic Ultra, l’ultramaratona in solitaria, la più fredda e dura al mondo. Zanda, durante la gara canadese, si allontanò dalla sua slitta con Gps e passò 14 ore immerso nella neve, senza poter dare allarme, muoversi o chiedere aiuto, a temperature tra i 40 e i 50 gradi sotto zero.



Altre notizie relative

Zanda: “Vincerò anche questa sfida” "Massiccione" ha ripreso a camminare dopo l'installazione delle protesi
Nuova operazione per Roberto Zanda Il cagliaritano è stato operato a Torino dopo la degenza ad Aosta
🎥 Zanda: “Continuerò anche senza mani e piedi” VIDEO - Dopo aver rischiato la morte, "Massiccione" rilancia e racconta la sua disavventura nello Yukon

...e tu cosa ne pensi?

300