Fabio Aru (photo Roberto Bettini/BettiniPhoto©2018)

Fabio Aru (photo Roberto Bettini/BettiniPhoto©2018)

Ultima frazione in linea ella Tirreno-Adriatico con un percorso adatto ai velocisti da Numana a Fano di 153 km. Nessun problema per Fabio Aru che ha tagliato il traguardo nel gruppone riuscendo a evitare la maxi caduta a 7 km dalla conclusione, a differenza di Domenico Pozzovivo (Bahrain) e Romain Bardet (Ag2r) che cedono la loro posizione al sardo: ora il villacidrese si trova in 11ª piazza nella generale a 1’19” dal leader Kwiatkowski.



La vittoria della tappa è andata a Marcel Kittel (Katusha Alpecin) il più abile nel volatone davanti a Peter Sagan, autore di una grande rimonta dopo una caduta, e l’argentino Richeze.  Nulla cambia in classifica generale con il polacco della SKY che indossa la maglia azzurra con 3″ su Caruso e 23″ su Landa. Martedì 13 marzo l’ultima fatica della Corsa dei Due Mari con la tradizionale cronometro nel lungomare di San Benedetto del Tronto di 10 km: sarà un buon test per Il Cavaliere dei Quattro Mori sulle sue prestazioni contro il tempo dopo la buona prova offerta all’Abu Dhabi Tour.



Altre notizie relative

Guangxi, Aru 15º nel “tappone” Vittoria di Gianni Moscon a Mashonnonga
Guangxi: Aru in gruppo, Jakobsen nuovo leader Colpo doppio del velocista olandese
Guangxi: sprint Ackermann, Aru in gruppo Il villacidrese ha tagliato il traguardo con lo stesso tempo del vincitore

...e tu cosa ne pensi?

300