Lorenzo Camba, classe 1999

Lorenzo Camba, classe 1999

Cronaca e tabellino di Bologna-Cagliari 1-1

Daga 6.5 – Partita difficile come tutte, per un portiere, quando c’è da governare terreno e palloni infidi. Lui se la cava e tira fuori anche la parata d’istinto su tiro ravvicinato.

Kouadio 6.5 – Non molto preciso palla al piede, infatti sbaglia alcuni cross potenzialmente utili. Ci mette il fisico ed è importante anche in posizione avanzata nella parte finale. Duttile, fa il terzino, l’esterno alto e la mezzala destra.

Pitzalis 6.5 – Non disdegna le discese a sostegno della manovra, si disimpegna bene in fase difensiva.

Colarieti 6 – Prestazione di sostanza, soffre nella parte centrale del primo tempo, quando il Bologna segna e crea pericoli sorprendendo alle spalle l’ex Latina e gli altri del centrocampo. (dall’88’ Cadili s.v.)

Camba 7 – Gol da cineteca con rovesciata à la Vialli. Una bella rivincita per il furetto dell’area di rigore, passato da promessa più fulgida a rincalzo con poco credito. Fame e voglia non gli sono mai mancate, oggi raccoglie con gli interessi. (dal 64′ Gagliano 6 – Entra quando la partita è già una guerra nel fango, lui sgomita e sciupa una palla gol allungandosela con l’ultimo controllo)



Antonini Lui 6.5 – Se la difesa rossoblù regge soffrendo il giusto è merito anche del suo leader.

R. Doratiotto 5.5 – Ha sulla coscienza il doppio, colossale errore a tu per tu con Ravaglia in apertura di ripresa. (dal 74′ Lombardi 6 – Dà freschezza e fisico all’ammaccato Cagliari, non arriva per un soffio su un bel cross dalla destra)

Molberg 6 – Perde un brutto pallone e i pericoli arrivano per lo più dalla sua zona. (dal 46′ Sanna 6.5 – Minutaggio corposo dopo molto tempo, non delude e la retroguardia mantiene efficacia)

Tetteh 6 – Molto pungolato da Canzi, dà fosforo e contribuisce a tenere la squadra corta, lavorando bene in catena con Kouadio. (dal 74′ Marongiu 6 – Entra subito in partita e tampona le scarse velleità bolognesi, gestisce male una buona occasione dentro l’area)

Mastromarino 6.5 – Per un piccoletto come lui non è semplice inventare nel campo pesante, cresce alla distanza e si fa trovare spesso e volentieri, cercando di innescare le punti con alcuni buoni palloni. (dal 64′ Porru 6 – Gli viene concessa una opportunità significativa e la sfrutta a dovere, irrobustendo la fascia destra con l’avanzamento di Kouadio. Lì non si soffre e da lì arrivano situazioni degne di nota)



Ladinetti 6.5 – Si cala bene nella parte di medianaccio e cerca di dare qualità. Un po’ troppo tenero in occasione del gol bolognese, quando ammira la falcata e il tiro di Valencia senza opporre resistenza. (dal 74′ Porcheddu 6 – Una grande occasione sotto porta, non sfruttata per un pelo. Poi combatte come tutti)

Allenatore: Max Canzi 6.5 – Carico come non mai, spreme le corde vocali dall’inizio alla fine per seguire passo passo i movimenti dei suoi. Il Cagliari è sul pezzo e gioca una partita robusta, sia quando il campo lo permette sia quando c’è solo da lottare. Sono i sardi a condurre le danze e ad avere le migliori occasioni. Contro il Rigas ci sono speranze di spuntarla e andare avanti. Gestisce il minutaggio di tutta la rosa con obbligatoria parsimonia. Le sue parole dopo la partita

Fabio Frongia

 

Altre notizie relative

Verde felino, Ladinetti pulito, difesa efficace I nostri giudizi sul Cagliari Primavera che ha pareggiato 1-1 contro l'Empoli
Il Cagliari non sfonda, con l’Empoli è 1-1 Il racconto e il tabellino della sfida di Assemini
Canzi: “Tre punti per il morale” Il tecnico della Primavera del Cagliari dopo il colpo di Bogliasco

...e tu cosa ne pensi?

300