Lisandro Villagra

Lisandro Villagra

L’Amatori Capoterra vuole continuare a stupire. Dopo il successo esterno della scorsa settimana in casa del Novara, la squadra allenata da Lisandro Villagra ritrova il pubblico amico, domani, nell’anticipo della 15ma giornata del campionato di serie B maschile, contro il Piacenza Rugby. Due punti in più (41) per il Capoterra in classifica nei confronti della formazione emiliana (39 punti) e quella di domani si preannuncia una gara difficile ma non impossibile per questo gruppo che nel corso della stagione ha trovato successi importanti soprattutto contro le squadre di rilievo.



Piacenza si presenta a questo match con l’intenzione di regalare una serata da incubo all’Amatori e cancellare la sconfitta della scorsa settimana in casa contro Milano. Dall’altra parte troverà un gruppo che, pur non dovendo chiedere niente più al campionato ha tanta voglia di giocare, vincere e soprattutto far maturare la pattuglia dei giovani. “Chiaro che puntare alle zone alte della graduatoria è davvero impossibile” dice il tecnico del Capoterra Lisandro Villagra. “Il quarto posto è quasi irraggiungibile considerato che nel corso della stagione abbiamo perso per strada qualche punto ingenuamente. Comunque abbiamo ancora “fame” e cercheremo fino in fondo di onorare il campionato”. Una stagione, nonostante manchino ancora diverse gare al termine del campionato, tutto sommato positiva per l’Amatori.
“Sicuramente –prosegue il tecnico argentino del Capoterra -, anche se devo ammettere che mi sarebbe piaciuto lottare nelle zone alte della graduatoria, purtroppo però, gli episodi e gli infortuni ci hanno penalizzato, ma nonostante tutto non ci arrendiamo e continuiamo a giocare per i nostri tifosi, per la società e per far maturare i giovani del nostro vivaio”. Elementi che Lisandro Villagra non ha disdegnato di schierare, soprattutto nei momenti di difficoltà. “Basta con i vecchi” dice scherzosamente il tecnico argentino. “Abbiamo un buon gruppo di giovani che ha tutte le caratteristiche per fare bene e far crescere l’Amatori nel corso delle prossime stagioni”. Ma come si è trovato Villagra a vivere questa esperienza in
qualità di allenatore del Capoterra? “Sinceramente non ho avuto problemi, fin dal primo giorno. Mi sono trovato bene, mi hanno accolto molto bene, il territorio è fantastico e, poi come in Argentina si mangia tanta carne. Praticamente è come stare a casa”. Domani, alle 14,30 arriva Piacenza. “Una gara durissima –conclude Lisandro Villagra -. Piacenza è una squadra tosta, pesante con un ottimo pacchetto di mischia. Occorre stare molto attenti e non prendere sottogamba l’avversario. Ci vuole un attimo per perdere la concentrazione e dare a loro la possibilità di punirci. Tra l’altro conosco diversi giocatori che militano nel Piacenza e so che verranno in Sardegna per vincere. A noi il compito di impedirglielo”. A parte lo squalificato
Thioye domani contro Piacenza mancheranno: Ferrini e Mariottini, mentre il resto gruppo è confermato con Simone Farris in dubbio fino all’ultimo.

Ufficio Stampa



Altre notizie relative

Rugby, due acquisti per Capoterra Guariglia e Zurabi vestiranno il giallorosso
Alghero, che esordio in Serie A! L'Amatori espugna Perugia 34-38
Rugby, ad Alghero sbarcano Sciacca e Micheli La squadra catalana prepara la prossima stagione di Serie B

...e tu cosa ne pensi?

300