.

.

Un Città di Sestu volenteroso e coriaceo viene sconfitto per 4-1 dai siciliani del Maritime Futsal Augusta al termine di un match rimasto in bilico fino a pochi minuti dalla sirena finale dopo che la prima frazione si era chiusa sull’ 1-1.
Nonostante la battuta d’arresto, i rossoblù escono a testa alta dal PalaJonio dopo una prestazione di assoluto livello al cospetto di un roster costruito per vincere tutto in A2 e che ben figurerebbe nell’attuale massima serie.



Il tecnico dei megaresi Miki lascia in tribuna un giocatore di assoluto livello come Chimanguinho e schiera nello starting five Dal Cin, Zanchetta, Crema, Lemine e José Ruiz, sul fronte opposto mister Mario Mura opta per Zanatta, Giulio Mura, Escobar, Bonfin e Rufine, lasciando fuori dai dodici Cau e Gonzalez.

Partono a spron battuto i dominatori del Girone B di A2 con Zanchetta che, dopo appena sette secondi, impegna severamente Zanatta con una botta violenta che viene spedita in calcio d’angolo, e trovano il vantaggio a 1’17” grazie a Lemine, lesto nel sfruttare l’ottimo passaggio di Crema e superare il numero 19 sestese.
I biancoblu, nonostante il vantaggio, non alzano il piede dall’accelleratore e continuano a macinare gioco ed occasioni soprattutto con Zanchetta e Lemine ma i due ex Rieti non trovano fortuna, il Città di Sestu si difende con ordine e non sta a guardare portando il primo pericolo al minuto 2’41” con Escobar che, per poco, non centra il bersaglio grosso.
La spinta del Maritime è continua, aiutata dalla qualità e dal numero di cambi a disposizione dell’allenatore iberico dei siciliani, ma Zanatta si impone come protagonista murando in successione Lemine, Crema e Mancuso con interventi importanti e decisivi.
Dopo una prima metà di tempo a contenere le folate offensive avversarie, i sestesi iniziano a costruire gioco con manovre veloci che possano prendere le spalle della difesa comandata da Ruiz e l’occasione capitata sui piedi di Vaccargiu è il preludio al gol del pari che arriva al 17’04”: Zanatta lancia lungo con i piedi a cercare Bonfin, il pivot italo-brasiliano si libera della marcatura di Rossi e di testa infila Dal Cin dopo che la sfera aveva baciato entrambi i montanti.
La rete subita sveglia i megaresi che provano a riportarsi in vantaggio ma ancora l’ex portiere del Cagliari Futsal fa buona guardia alla sua porta sulle conclusioni di Crema e Lemine, Bonfin spaventa Dal Cin ma l’ultima nota del primo tempo è dolente per i rossoblù con Rufine costretto ad alzare bandiera bianca per il resto del match.

Nella ripresa i ragazzi allenati da Mario Mura escono carichi dagli spogliatoi creando subito occasioni importanti per portarsi in vantaggio prima con Zanatta ma soprattutto con Bonfin che, da pochi passi, spara sopra la traversa ma, nel momento migliore dei sestesi, è il Maritime al 2’58” a rimettere il naso avanti: ripartenza spinta da Mancuso con l’ex Luparense che elude l’intervento di Asquer prima di scambiare con Crema e appoggiare la sfera in fondo alla rete.
Nonostante la rete subita, il Città di Sestu continua a creare pericoli verso la porta avversaria con Vaccargiu, Ruggiu e Zanatta ma il pallone o si spegne sul fondo o è preda di Dal Cin, non perdona invece Lemine al minuto 7’19” quando, su schema laterale, dai 12 metri spara un siluro che buca Zanatta e firma il 3-1 per i siciliani.
Con due lunghezze da recuperare, i rossoblù non accennano minimamente ad alzare bandiera bianca e le provano tutte per riaprire il match, la chance più importanti capitano a Wilson e Ruggiu ma il portiere avversario, in uscita e con un intervento plastico, chiude la strada ai due sestest, di contro il Maritime, dall’alto del vantaggio e della freschezza, prova ad infilare in contropiede e va vicino alla quarta rete con Zanchetta, che impegna severamente Zanatta, e Spampinato, fermato dal palo.
Al 15’30” arriva la rete che spegne definitivamente le speranze dei sardi: Crema calcia in porta, Zanatta respinge ma sulla ribattuta Ruiz non perdona e firma la rete del 4-1 finale.
Nelle ultime battute entrambi i tecnici lasciano spazio ai giovani della rosa, per i sestesi da segnalare i minutaggi assegnati al classe’96 Casu e al classe’98 Fois, e alla sirena finale grande festa per il pubblico accorso al palazzetto di Augusta per la vittoria dei beniamini di casa ma soprattutto applausi per Wilson e compagni, bravi a creare più di qualche grattacapo alla formazione megarese, facendole anche subire il primo gol in questa competizione

Grande soddisfazione nello staff e nella dirigenza del Città di Sestu al termine della gara del PalaJonio: per i rossoblù termina una grande esperienza dopo un match di spessore contro un avversario superiore sulla carte ma che ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per arrivare in finale, e questa partecipazione di livello è il premio per una stagione che sta andando ben al di sopra delle aspettative.
Ora i sestesi avranno tutto il tempo per recuperare le energie in vista della volata finale verso i playoff con il calendario che, dopo il riposo, propone gli scontri diretti contro Carrè Chiuppano e Real Arzignano, e lo faranno con la consapevolezza della propria forza e delle proprie armi.

CITTÀ DI SESTU-MARITIME AUGUSTA 1-4 (1-1 p.t.)

CITTÀ DI SESTU: Zanatta, Mura G., Lopez Escobar, Bonfin, Rufine, Asquer, Casu, Vaccargiu, Wilson, Fois, Ruggiu, Erbì. All. Mura M.

MARITIME AUGUSTA: Dal Cin, Zanchetta, Crema, Lemine, José Ruiz, Follador, Rossi, Spampinato, Mancuso, Guedes, Braga, Manservigi. All. Miki

MARCATORI: 1’17” p.t. Lemine (M), 17’04” Bonfin (S), 2’58” s.t. Mancuso (M), 7’19” Lemine (M), 15’29” José Ruiz (M)
ARBITRI: Fabrizio Andolfo (Ercolano), Marco Di Filippo (Teramo) CRONO: Francesco Paolo Buscemi (Enna)

Ufficio Stampa



Altre notizie relative

Futsal, trasferta trentina per il Città di Sestu I rossoblù afronteranno il Bubi Merano
Città di Sestu sfortunato, passa Asti Pareggio per la Leonardo, tracollo Ossi
Futsal, il Città di Sestu ospita Asti I rossoblù vogliono tornare a vincere

...e tu cosa ne pensi?

300