L'esultanza dei biancoblù (foto: Giuliano Gatti)

L’esultanza dei biancoblù (foto: Giuliano Gatti)

Torna il sorriso dopo la sorprendente eliminazione in FIBA Europe Cup in casa Dinamo Sassari. I biancoblù di Federico Pasquini espugnano Capo d’Orlando in una gara controllata sin dal primo quarto.



La cronaca: Pasquini è costretto a rinunciare all’infortunato Planinic e rivedere le sue rotazioni; spazio quindi al quintetto titolare composto da Stipcevic, Bamforth, Pierre, Polonara e Jones con Bostic che parte dalla panchina. L’inizio è di marca siciliana con Kulboka ispirato dalla media e lunga distanza, Sassari non ci sta e con un buon parziale prova a scappare con un ritrovato Stipcevic e Pierre sugli scudi. Capo d’Orlando reagisce e si riporta a contatto, ma la Dinamo continua a lavorare bene nel pitturato con Shawn Jones e chiude sul +8 i primi 10′. Le difese si registrano nel secondo quarto con i sassaresi che sembrano in controllo alla gara, ma un mini-parzialino di 4-0 concluso dalla bimane di Knox costringe Pasquini al timeout. Sassari esce bene dal minuto di sospensione, Bamforth alza la parabola subisce il fallo di Knox e realizza il gioco da tre punti che rimettono in fiducia gli ospiti. La Dinamo prova a dare la spallata decisiva, Polonara trova la tripla da oltre 8 metri coronando il suo bel secondo quarto e regalando il massimo vantaggio ai suoi; sul filo della sirena che chiude la metà gara c’è tempo per la schiacciata in contropiede di Lykhodey che inchioda il punteggio sul 42-56.

Al rientro dagli spogliatoi il gioco viene subito fermato per problemi al cronometro: la sosta di oltre 10′ non spengono i biancoblù sardi che scendono in campo con lo stesso piglio dei primi quarti. Sale in cattedra anche Josh Bostic, parzialino interamente firmato dall’ala che porta sul +15 i suoi. Knox prova a tenere viva Capo d’Orlando, ma dall’altra parte del campo è ancora Achille Polonara show e il distacco a 10′ dalla sirena finale rimane di 15 lunghezze. Nell’ultimo quarto non cambia il leit motiv della gara; la Betaland prova a riportarsi sotto, ma la Dinamo è brava a rintuzzare i tentativi di break con i vari Stipcevic e Pierre, che di fatto chiude i giochi con una splendida schiacciata su Knox. Alla fine è 89-103 per la Dinamo Sassari che blinda il piazzamento in zona playoff.

Betaland Capo d’Orlando- Dinamo Sassari 89-103 (24-32, 18-24, 20-21, 27-26)

Capo d’Orlando: Maynor 3, Galipò, Faust 23, Lykhodey 16, Kulboka 12, Knox 17, Egwoh, Campani, Stojanovic 12, Atsur 6, Donda, Laganà.

Sassari: Bostic 16, Pierre 18, Bamforth 11, Jones 18, Stipcevic 14, Polonara 20, Tavernari, Hatcher 3, Spissu 3, Devecchi, Picarelli.



Altre notizie relative

Fallimento Ebeling, lascia le Dinamo Il giovane lungo risolve consensualmente il suo rapporto
Esposito: “Massima intensità e andiamo avanti” Dinamo a Bologna col dubbio Polonara
Sardara: “Io alla Torres? Due cose non si fanno…” L'INTERVISTA | Il presidente della Dinamo Sassari a 360° sul mondo biancoblu

...e tu cosa ne pensi?

300