Andrea Mura

Andrea Mura

Dopo una vita trascorsa in mare, Andrea Mura è pronto a salpare per la sua nuova avventura. Diversa, certamente. Lo skipper cagliaritano è pronto per la sua nuova vita da parlamentare. “Ho dedicato una vita allo sport – ha raccontato il neo-deputato per il Movimento 5 Stelle a La Gazzetta dello Sport – ed essendo da 35 anni un imprenditore con una veleria ad alta tecnologia, ho tante esperienze. Sono entrato in contatto con tante persone, dagli albergatori alle autorità portuali. Ed essendo una persona curiosa ho sommato tutte le informazioni che sono felice di mettere a disposizione del bene comune, per migliorare la qualità della vita in Italia e in particolare della mia Sardegna”.



Ma Mura preferisce discostarsi dall’etichetta di politico: “Quando dico che sono un tecnico e non un politico è perché mi piace arrivare al nocciolo delle cose da fare. Stiamo lavorando su una serie di progetti, uno dei quali riguarda la promozione della Sardegna nel mondo. Una terra eccezionale, ancora poco conosciuta. Non è solo Costa Smeralda. Penso che vada proposta molto in nord Europa, dove ci sono redditi importanti e persone che potrebbero goderla in momenti considerati di bassa stagione. Poi ovviamente quello di portarli qui non è l’unico problema, c’è ad esempio quello dell’accoglienza. Sono tanti i punti critici sotto questo aspetto del turismo in Sardegna”.

Lo skipper snocciola così i temi sui quali vorrebbe focalizzarsi: “La Sardegna è depressa dal punto di vista del compartimento nautico: ci sono pochi porti, poco attrezzati e spesso insabbiati. L’isola ha tutto per fare concorrenza a Palma di Maiorca. Abbiamo l’ambizione di far diventare la Sardegna un posto dove le imbarcazioni vanno a svernare”. 



Come trasferire le esperienza maturate nella sua “vita precedente”? “Nei due anni e mezzo di Coppa America ho imparato che quando ti si pone un problema lo devi risolvere. Il tecnico è più abituato a fare squadra e a trovare una soluzione per qualcosa che non funziona. Se non ho delle competenze le vado a cercare”.

C’è tanta fiducia, pertanto, per questa nuova avventura: “Non credo che deluderò. Mi sento addosso una grande responsabilità ma in vita mia ho sempre lavorato per non deludere gli altri. Vorrei lasciare un buon ricordo della mia esperienza in Parlamento. Se ci saranno aspetti su cui non sono d’accordo alzerò la voce, la cosa non mi spaventa”. 



Altre notizie relative

Camera, Mura è fuori: Cagliari torna al voto Il velista cagliaritano: Per me linciaggio senza precedenti, torno allo sport
Andrea Mura, dal mare al Parlamento Ha fatto del mare e della vela una delle sue ragioni di vita. Adesso lo attende una nuova avventura. Certamente densa di ostacoli, seppur diversi risp...
Vela, Andrea Mura verrà premiato per la Ostar 2017 Lo skipper atteso in Inghilterra al Royal Western Yacht Club

...e tu cosa ne pensi?

300