Roberto Zanda in un'immagine di tre anni fa in Australia

Roberto Zanda in un’immagine di tre anni fa in Australia

Roberto Zanda operato nuovamente a Torino

L’ultramaratoneta cagliaritano perde due piedi e una mano, più quattro dita della mano sinistra.

Dovrà subire un’altra amputazione, dopo quella di entrambi i piedi, l’ultramaratoneta cagliaritano Roberto Zanda. Dieci giorni fa, ad Aosta, “Massiccione” era stato operato in seguito all’incidente occorsogli nello Yukon (Canada), quando rischiò di morire durante l’estremo tentativo di portare a termine la Yukon Artic Ultra. Ora, a Torino, Zanda è stato sottoposto ad un altro intervento alle mani, ad opera del dottor Bruno Battiston. La mano destra è stata amputata al livello del polso e nelle prossime settimane verrà applicata la protesi bionica, nella mano sinistra sono state asportate le dita in necrosi, recuperando parzialmente il pollice anche grazie al tessuto del polso.



Altre notizie relative

Zanda: “Vincerò anche questa sfida” "Massiccione" ha ripreso a camminare dopo l'installazione delle protesi
Zanda perderà i piedi e una mano Il sardo aveva partecipato alla Yukon Artic Ultra rischiando di morire assiderato
🎥 Zanda: “Continuerò anche senza mani e piedi” VIDEO - Dopo aver rischiato la morte, "Massiccione" rilancia e racconta la sua disavventura nello Yukon

...e tu cosa ne pensi?

300