Mami Uchiseto, giapponese della Golem Olbia

Mami Uchiseto, giapponese della Golem Olbia

La Golem Olbia non riesce a regalarsi una soddisfazione nell’ultima uscita casalinga della stagione, e cede in tre set a un Barricalla Cus Collegno trascinato dalla grande prestazione personale di Marta Agostinetto. Ancora rimandato, dunque, l’appuntamento con la salvezza matematica, ma i risultati delle dirette concorrenti – a cominciare dalla sconfitta di Marsala sul campo di Cuneo – lasciano comunque ben sperare.



LA GARA – I 20 punti di differenza in classifica tra le due compagini non si notano, e dopo i primi scambi la situazione è assolutamente equilibrata. Sul 10-11 in favore di Collegno la gara subisce una lunga interruzione per una verifica sul punteggio effettuata dagli arbitri. Alla ripresa la Golem è appannata e vede il Barricalla allontanarsi progressivamente fino ad arrivare al +7 (13-20). Il primo set sembra già aver preso un deciso indirizzo, ma le olbiesi, guidate da Uchiseto, trovano le energie per rimettere tutto in discussione. La nipponica firma il punto del sorpasso Hermaea (22-23), ma negli scambi decisivi le piemontesi riescono a contro sorpassare e chiudere i conti con l’attacco in diagonale di Schlegel (24-26).

Il Barricalla prova a partire forte anche nel secondo set e guadagna ben presto il +4 (10-14). Giangrossi interviene chiamando un timeout che non sortisce però gli effetti sperati: stavolta Collegno non spreca il vantaggio e continua ad allungare. Melli annulla la prima palla set ospite, ma Provaroni (al rientro dopo una lunghissima assenza per infortunio), sbaglia in battuta permettendo alla squadra di Marchiaro di ottenere il 2-0 nel conto sul 16-25.

Nella terza frazione le galluresi cercano una partenza lanciata con l’intento di riaprire l’incontro. La grande protagonista in questa fase è Mami Uchiseto, che sale letteralmente in cattedra con colpi di alta scuola permettendo alla Golem di portarsi sul +3 (18-15). Marchiaro chiede il minuto di sospensione, l’Hermaea mantiene il controllo ma viene poi penalizzata da due chiamate arbitrali controverse. Collegno ne approfitta per ribaltare l’inerzia della partita (sorpasso sul 20-19). La Golem – costretta a rinunciare alle acciaccate Soos e Barazza – riesce ad annullare due palle match alle rivali, che però si impongono definitivamente sul 24-26 con il punto trovato dall’ottima Agostinetto.

“Ancora una volta sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra – dichiara coach Pasqualino Giangrossi – le ragazze hanno dato tutto ciò che potevano, tenendo conto anche dei forfait per infortunio di giocatrici di grande qualità come Barazza e Soos. Non mi piace parlare di arbitri, ma credo che qualche chiamata, specialmente nel terzo set, ci abbia penalizzati. Ci dispiace perché avremmo voluto ripagare il supporto dei nostri tifosi con una vittoria. Ora però guardiamo avanti sperando di ottenere il più presto possibile la salvezza”.

Golem Olbia-Barricalla Collegno 0-3 (24-25; 16-25; 24-26)

Golem: Simoncini, Iannone 1, Uchiseto 15, Spinello 1, Provaroni, Murru, Bartolini 12, Soos 2, Cecconello 4, Melli 13, Barbagallo L, Caboni, Barazza 6. Allenatore: Giangrossi

Barricalla: Vokshi, Poser 4, Fiorio 6, Gobbo 2, Lanzini L, Schlegel 10, Courroux, Agostinetto 23, Fragonas, Morolli 1, Pastorello 9, Brussino, Migliorin. Allenatore: Marchiaro

Arbitri: Di Blasi e Caretti



Altre notizie relative

Hermaea sconfitta in casa da Orvieto Le olbiesi cadono 3-1 a Golfo Aranci
L’Hermaea Olbia cerca il riscatto con Orvieto Le ragazze di Anile arrivano dalla sconfitta di Soverato
Hermaea, esordio amaro con Soverato Sconfitta in Calabria 3-1 per le ragazzi di Anile

...e tu cosa ne pensi?

300