Un duello tra Lanusei e Sassari Latte Dolce (foto: Alessandro Sanna)

Un duello tra Lanusei e Sassari Latte Dolce (foto: Alessandro Sanna)

Si infiamma la corsa salvezza in Serie D, dove praticamente sono ancora coinvolte tutte le sarde, chi più chi meno. Rabbia per il Budoni, beffato a Monterosi con un 2-1 che fa scontente molte formazioni, in primis le altre sarde. “Chi non ha visto la partita non può capire quanto sia ingiusto questo risultato”, dice il mister del Budoni, Raffaele Cerbone, “mancano 6 gare e servono almeno 7 punti per la salvezza – continua – abbiamo 4 gare in casa e 2 fuori, giovedì contro il Trastevere voglio una squadra affamata di vittoria, non sarà semplice ma bisogna rifarsi per questa sconfitta immeritata, che però non è arrivata perché non siamo stati abbastanza concentrati e cattivi”.

CLICCA QUI – Risultati, marcatori e classifica | IL PUNTO DELLA GIORNATA

La domenica appena trascorsa ha visto un colpo di reni delle sarde, con il Lanusei (leggi qui) pimpante e vittorioso in casa contro l’Ostiamare (qui le parole di Graziani), la Nuorese corsara in casa della Lupa Roma (leggi qui) e il pari tra San Teodoro e Sassari Calcio Latte Dolce (3-3). Sabato aveva aperto le danze il Tortolì a Fregene (leggi qui), per un weekend senza precedenti in questa stagione. A riprova che le qualità ci sono e si poteva (doveva!) fare meglio. Hanno vinto tutte le sarde, meno quelle impegnate nel derby, finito in parità. Di più era impossibile.

“Peccato per il solito calo”, ha detto il tecnico del San Teodoro, Carlo Sanchez, dopo la sfida col Sassari Latte Dolce. “Non capisco perché caliamo così – continua – non ho visto un arbitraggio consono, tra gol annullato che valeva il 3-2 e doppia espulsione. La classifica? Lavoriamo nel quotidiano, non è semplice, bisogna pensare a fare punti già giovedì a Tortolì”. Partita dai due volti che Massimiliano Paba (Sassari Latte Dolce) commenta così. “L’avvio è stato da dimenticare, loro sono partiti fortissimo, piano piano abbiamo preso le misure e nella ripresa abbiamo preso in mano la gara. Potevamo vincere, ma per come si era messa va bene così. La classifica? Andiamo avanti passo passo, le prestazioni sono buone, ma c’è ancora tanto da giocare e credo che sia il campionato di Serie D più duro degli ultimi anni”.



Ora testa al rush finale, a cominciare da un giovedì pre-pasquale da circoletto rosso. Il Monterosi, battendo il Budoni, disturba le altre isolane, perché il Tortolì rimane a -8 dal sestultimo posto (Monterosi a quota 31) e quindi non giocherebbe i playout (distacco non deve essere superiore a 7 punti). La Nuorese e il Lanusei restano a -4 dal playout giocato in casa, mentre accorciano su Flaminia (32), Budoni (33) e Latte Dolce (34) che oggi sarebbero salve.

Giovedì a Nuoro ci sarà la gara clou della 29ª giornata, ovvero Nuorese-Monterosi, già accesa dalle polemiche tra presidenti. Un successo barbaricino accorcerebbe la classifica. Latte Dolce e Budoni giocano in casa contro Albalonga e Trastevere, rispettivamente vice-capolista e quarta forza del torneo. Impegni complicati ma non impossibili, che potrebbero dare alle due sarde meglio piazzate uno scossone ai limiti del decisivo. Il Lanusei va a Rieti contro la capolista e cerca l’impresa, mentre Tortolì-San Teodoro sarà derby fondamentale. I padroni di casa per avvicinarsi al playout (con un orecchio a Nuoro), i galluresi per rimanere in vita tenendo lontano (ma non troppo) la retrocessione diretta. Completa il quadro la gara dell’Anzio a Ostia.



Altre notizie relative

Lanusei battuto a Monterosi Cronaca e tabellino di Monterosi-Lanusei 1-0
Serie D, vietato sbagliare nell’infrasettimanale Girone G di nuovo in campo dopo tre giorni
Piga: “Sotto con la Flaminia” Le parole del giovane lattedolcino in vista del turno infrasettimanale

...e tu cosa ne pensi?

300