Archimede Graziani (foto: Giorgio Melis)

Archimede Graziani (foto: Giorgio Melis)

E’ un Archimede Graziani soddisfatto e sorridente quello che parla dopo Rieti-Lanusei 2-0 (leggi qui cronaca e tabellino).

CLICCA QUI – Report, tabellini, interviste della giornata di Serie D!

“Io intendo il calcio così – esordisce – Ho provato a giocarmela contro la prima in classifica, una squadra forte come il Rieti, purtroppo ancora una volta è andata così. L’espulsione e il rigore? Non ho bisogno di sentire il mio giocatore o che ci sia il VAR, sinché non uniformiamo molte cose, molte decisioni, le cose non cambieranno. Ho visto poco quindi non giudico, il mio giocatore ha detto che ha ricevuto due calci da dietro e cercava di allontanare l’avversario, quando avrò modo di vedere il filmato, ma preferisco pensare all’errore o meno del mio calciatore che a quello del direttore di gara”.



La vittoria del Flaminia complica le cose, ora obiettivo giocare il playout in casa? “Il mio presidente mi ha chiesto di provare a salvarci, non di salvarci direttamente. Che poi le cose siano migliorate in modo insperato, con molti punti all’attivo, è un altro discorso. Non guardo la classifica fino alla penultima giornata, se poi ci sarà spazio per pensare a qualcos’altro lo faremo, ma domenica dopo domenica giochiamo le partite. E’ chiaro che saremmo lieti e felici di giocarci il playout in casa”.

Sull’allontanamento per proteste. “All’arbitro non ho detto niente, bensì all’assistente, perché Camilli non aveva commesso fallo, avendo tirato lui. Ma ormai ci sta tutto”.

dall’inviato Gabriele Grillo



Altre notizie relative

Lanusei, ecco Mastromarino! Abbate: “Kovadio rimane” Il club ogliastrino attivo sul mercato dicembrino
Il Lanusei continua a sognare Serie D (girone G): il racconto del match del "Lixius" e di tutti gli altri incontri
Lanusei, un pari che sa di vittoria Gli ogliastrini rimontano l'Aprilia

...e tu cosa ne pensi?

300