Diego Lopez, tecnico del Cagliari

Diego Lopez, tecnico del Cagliari

Vincere per dare continuità al successo roccambolesco di Benevento. Questo l’obiettivo in casa Cagliari. Avversario di turno un Torino apparentemente in crisi ma da prendere con le molle. Concetto, questo, ribadito in conferenza stampa da Diego Lopez: “Il Toro è una squadra di qualità, non dobbiamo farli respirare. Non dobbiamo pensare ai loro problemi, pensiamo a migliorare anche se mancano nove gare. Loro hanno un grande allenatore, bravo a gestire i momenti difficili. Voglio una squadra che trasmetta carica al pubblico, con aggressività e determinazione”.

In questi giorni il tecnico uruguaiano non ha potuto disporre dei vari nazionali in giro per il mondo: “Han è un po’ stanco, ma stanno tutti bene. Avevo paura per Lykogiannis, ma ha fatto venti minuti e anche lui sta bene. Adesso ci attendono due partite in pochi giorni quindi dovrò fare tutte le valutazioni”.


Come di consueto, Lopez rivela tre giocatori che faranno parte dell’XI di partenza: “Domani giocheranno sicuramente Ceppitelli, Padoin e Sau. Farias ha avuto un fastidio al polpaccio, dobbiamo valutarlo. Miangue? Nelle ultime partite è migliorato, ma deve crescere ancora. Ma con un maestro accanto come Agostini può migliorare. Ma è giovane, così come Barella, Romagna, Han e Ceter. Da loro mi aspetto dei miglioramenti”.

Col Toro inizierà un rettilineo fondamentale in ottica salvezza: “In questi casi è sempre importante iniziare bene. Sono gare in cui possiamo fare punti, sarà determinante la voglia di fare risultato e noi dobbiamo averla”.



Altre notizie relative

Cagliari, fiducia per Pavoletti Maran lavora pensando a chi avrà a disposizione a Frosinone
Cagliari, brusca frenata ma c’è margine per crescere L'ANALISI TATTICA | Cosa possono escogitare i rossoblù?
Giulini: “Stadio? Momento politico particolare…” Il presidente del Cagliari torna sul tema del nuovo stadio

...e tu cosa ne pensi?

300