Massmiliano Paba (foto Alessandro Sanna)

Massmiliano Paba (foto Alessandro Sanna)

Il Sassari calcio Latte Dolce domenica alle ore 15 affronterà l’ultima in classifica nella terzultima giornata di campionato del girone G di serie D. L’Anzio ha 22 punti, è in piena zona retrocessione diretta in compagnia del San Teodoro – staccato di una lunghezza dai galluresi – ed è a 4 punti dalla terzultima forza del girone, il Tortolì (26). La matematica però non condanna ancora l’Anzio che, numeri alla mano potrebbe ancora riuscire a inserirsi nella lotta playout. L’Anzio è reduce dal 3-0 rimediato a Latina nell’ultimo turno, mentre il Sassari calcio Latte Dolce domenica scorsa ha mandato a referto un successo sull’SFF Atletico (2-1), risultato pesante nella forma ma non sufficiente ad allontanare definitivamente lo spettro playout dal presente e dal futuro biancoceleste.



La quota salvezza si è alzata parecchio, i sassaresi e il Budoni hanno 39 punti, uno in più del Monterosi, ultimo vagone del treno playout. Restano ancora 3 partite da giocare e ci sono 9 punti in palio: il tempo scorre, l’ansia non è certo la soluzione, servono invece calma, sangue freddo e concentrazione. Guai a pensare che l’Anzio sia una vittima sacrificale, guai a non vedere Anzio come necessaria occasione di mettere in cassa tre punti e dare impulso alla classifica. Mister Massimiliano Paba fa il punto della situazione in casa biancoceleste e presenta il prossimo match in calendario, in trasferta sul campo dell’Anzio Calcio:

«Sto predicando prudenza, umiltà e concentrazione ai ragazzi dall’inizio della settimana di lavoro. Vogliamo portare a casa la vittoria ma è fondamentale non sottovalutare il nostro avversario. Nè, tantomeno, pensare di trovare una squadra rassegnata o dismessa: occhio perché non sono retrocessi, vivono indubbiamente una posizione difficile e complicata in classifica, però hanno ancora una possibilità di farcela e per questo non regaleranno nulla a nessuno. Toccherà a noi essere interpreti di un match all’altezza, da giocare a viso aperto sapendo che non sarà una passeggiata. Nessuna paura, nessuna ansia ma la consapevolezza che sta a noi e solo a noi far si che quella contro l’Anzio possa diventare partita importante e, ci auguriamo, decisiva, per questo campionato. Vogliamo raggiungere la conferma della categoria il prima possibile, Anzio è tappa importante di questa rincorsa e mi auguro che domenica si possa fare proprio il passo decisivo verso il traguardo, i ragazzi lo meritano. È stata una corsa complessa, sostenuta ad un ritmo molto alto e durante la quale è stato necessario tenere elevato il livello di concentrazione. Anzio non ha nulla da perdere, dovremo fare grande attenzione. Domenica speriamo di poter festeggiare una vittoria, e non solo. Stiamo facendo bene, domenica scorsa ne è stata la riprova».



Altre notizie relative

Torres su Enrico Verachi I rossoblu lavorano per portare il centrocampista a Sassari
Budoni rimontato a Fregene Galluresi beffati nel recupero dall'Atletico SFF
Tribelli gela il Castiadas Il Cassino sbanca Muravera e condanna alla sconfitta i sarrabesi

...e tu cosa ne pensi?

300