Pino Tortora, allenatore della Torres (foto: Alessandro Sanna)

Pino Tortora, allenatore della Torres (foto: Alessandro Sanna)

Pino Tortora non ha dubbi dopo la vittoria di Sorso contro l’Atletico Uri: la sua Torres, quella di Salvatore Sechi e dei sassaresi, è in Serie D. Al di là di come andranno gli spareggi nazionali di Eccellenza. Come sempre tonico, perentorio, schietto, il tecnico dei rossoblù non usa giri di parole per esprimere le sue opinioni.

DA OGGI PUOI DIRCI LA TUA SUL NOSTRO LAVORO, PUOI AIUTARCI A MIGLIORARE E OFFRIRE NUOVI SERVIZI SUL SITO E I CANALI SOCIAL | Clicca qui: https://goo.gl/j2EgTZ



“E’ un traguardo importante – dice a caldo -, quello che tutti volevano, per come era la situazione si tratta di un’impresa. Il risultato è più che giusto, nelle finali conta buttarla dentro e mantenere il risultato. Da quando sono arrivato dovevamo soltanto vincere, compresa questa finale, sono felice. Credo che la Torres è in D, per un milione di motivi e perché ci spetta di diritto. Con tutti i punteggi che ci sono, grazie a questo risultato e alla vittoria della Juniores sabato nella finale regionale, direi che gli spareggi nazionali sono una formalità e quindi siamo in Serie D, Sassari può festeggiare”.

Altre notizie relative

Torres, non tutto è da buttare L'analisi sui rossoblù dopo il KO con un Lanusei pimpante e quadrato
“La strada è ancora lunga” Le parole di Tortora, Peana e Sarritzu dopo la sconfitta col Lanusei

...e tu cosa ne pensi?

300