.

.

Una vittoria cercata, voluta, e alla fine portata a casa. Il PalaConi festeggia la sua Futsal Futbol Cagliari, quella che brilla e supera la Ternana 5-4 strappando il biglietto per gara tre, in scena domenica prossima in casa delle umbre. Una partita all’ultimo respiro, quello arrivato su rigore a quattro secondi dalla fine messo a segno magistralmente da Gaby che mette il sigillo a una partita di grande intensità del Cagliari che ha saputo ribaltare lo 0-2 iniziale. Quello che poteva stendere chiunque ma non la Ffc di oggi che non si è mai arresa mettendo in campo una prestazione di grande intelligenza tattica e tecnica. Lo chiedeva mister Diego Podda alla vigilia e il gruppo Ffc lo ha tramutato in una vittoria che permette di andare a giocarsi la ‘bella’, quella da dentro o fuori per provare a continuare la marcia nei playoff.



IL MATCH. E a dimostrare la voglia Ffc di ribaltare la sconfitta di tre giorni fa ci provano subito Marta e Gaby in contropiede ma nulla da fare e allora è la Ternana ad affondare il colpo. Ci pensa Renatinha (1’12”) in diagonale a battere Piras 1-0. Il Cagliari prova a scuotersi con Marta e Gaby dalla distanza ma Mascia ribatte tutto, imitata poco dopo da Anna Piras che inizia ad alzare il muto ancora su Renatinha di tacco. Ma il portierone rossoblu nulla può sul contropiede ospite a 3’50” che ancora Renatinha concretizza con un mancino perfetto (0-2). La Ffc non si scompone e viene ripagata a 7’20”. A funzionare è l’asse Marta (assist) – Peque che finalizza in rete beffando Mascia (1-2). A metà tempo show di Renatinha ma Piras è insuperabile e devia in angolo due volte. A 12’33″ Valeria ferma di mano in area un tiro di Vargiu e per gli arbitri è rigore ed espulsione. Dal dischetto Gaby è un cecchino e fa 2-2. La gara si accende e prima Marta ha sul destro il pallone buono, ma davanti a Mascia spara alto, poi dall’altra è la solita Renatinha a provarci ma il muro Ffc non si sgretola. L’ultimo sussulto è a 1’40” con il  tiro libero di Jessika che spara fuori.
Nella ripresa si parte col brivido: palo di Jessika su destro insidioso. Poi arriva il primo vantaggio rossoblu. L’occasione è su calcio da fermo (3’58”) con lo schema perfetto a liberare Marta che non sbaglia (3-2). Al 7º ancora Ternana ma Piras chiude sempre la porta e devia sul palo il tentativo di Jessika. A metà tempo botta e risposta Ternana-Cagliari e sono due perle. Ad aprire è ancora Renatinha con un bolide dalla distanza che fulmina sotto la traversa Piras (3-3), ma neanche il tempo di far esultare le ospiti che Peque fa brillare ancora il suo destro e in diagonale al volo fa esplodere gli applausi del PalaConi (4-3). La Ffc c’è e prima Gaby spara sulla traversa un gran destro e poi, un minuto dopo, è ancora il legno a dire di no alla scatenata Peque. A quattro minuti dal termine la Ternana ci prova con il portiere di movimento ma Piras continua la sua prestazione maiuscola deviando un bolide di Jessika che però al 17° non sbaglia. Appostata sul secondo palo mette in rete il 4-4. Il match però non finisce mai e all’ultimo respiro in mischia capitan Cuccu tira a botta sicura ma Presto devia con il braccio: rigor ed espulsione. Dal dischetto è ancora Gaby e finisce come nel primo tempo: palla in rete e gol che vale il 5-4 e il pass per gara 3.

FUTSAL FUTBOL CAGLIARI-UNICUSANO TERNANA 5-4 (2-2 p.t.)
FUTSAL FUTBOL CAGLIARI: Piras, Vargiu, Peque, Gaby, Marta, Gasparini, Marongiu, Marrocco, Cuccu, Cocco, Atzori, Mulas. All. Podda

UNICUSANO TERNANA: Mascia, Renatinha, Jessika, Bianchi, Valeria, Coppari, Presto, Neka, Brandolini, Bisognin, Lorenzoni, Trumino. All. Shindler

MARCATRICI: 1’12” p.t. Renatinha (T), 3’50” Renatinha (T), 7’20” Peque (C), 12’33” rig. Gaby (C), 3’58” s.t. Marta (C), 10’08” Renatinha (T), 10’34” Peque (C), 17′ Jessika (T), 19’56” rig. Gaby (C)

AMMONITE: Valeria (T), Cocco (C), Gaby (C), Presto (T)
ESPULSE: al 12’33” del p.t. Valeria (T) per somma di ammonizioni, al 19’56” del s.t. Presto (T)

ARBITRI: Francesco Aufieri (Milano), Carlotta Filippi (Bergamo) CRONO: Fabio Loni (Cagliari)

PODDA. “Sapevamo delle difficoltà e che si poteva anche partire in svantaggio, ma la differenza la fa chi ci crede e crede nei suoi mezzi e nel suo lavoro – dice a fine partita mister Diego Podda – dispiace che con la Ternana partiamo sempre in svantaggio ma non importa, perché abbiamo la capacità di tenere botta. Abbiamo creduto in quello che sappiamo fare e abbiamo messo le avversarie in difficoltà con il nostro gioco e con questo abbiamo segnato – aggiunge – lavoriamo tutto l’anno per costruire questo tipo di partite e se questa è stata sempre la nostra strada non dobbiamo abbandonarla. Dobbiamo crederci perché abbiamo tutti i mezzi per competere con chiunque – continua Podda – la Ternana è una squadra che vuole vincere lo scudetto e noi abbiamo dimostrato di saper reggere il confronto: questo ci deve far riflettere su chi siamo noi. Poi sappiamo anche che non si può vincere sempre ma per noi è importante essere competitivi e lo stiamo dimostrando”. Per Podda “tutte le ragazze hanno fatto la loro parte, come deve essere e non ci dobbiamo accontentare di quello che stiamo facendo – sottolinea il mister – le giocatrici più esperte hanno il dovere di tracciare la rotta. Ma tutto il gruppo ha fatto una buona prestazione, e sottolineo quella delle ragazze non straniere che oggi hanno fatto una grandissima prestazione con sacrificio anche chi ha giocato meno”. Secondo il mister “queste partite sono fondamentali per la società, non so se ripetibili o no, ma oggi ci godiamo il momento e domenica sarà un’altra storia – conclude Podda – andremo a giocare a Terni facendo la nostra partita con l’obiettivo di essere competitivi: ce la giocheremo e dovremo avere le nostre possibilità”.





Lascia un commento