Fabio Aru

Fabio Aru

Termina con una 20ª posizione la fatica di Fabio Aru sull’ascesa di Montevergine di Mercogliano. Il villacidrese ha concluso senza particolari problemi col gruppo dei migliori dove non c’è stata battaglia tra i big.



La cronaca: Fuga iniziale di 7 corridori composta da Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Jan Polanc (UAE Team Emirates) e Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo): l’azione è stata chiusa dalla squadra del leader e dalla Groupama-FDJ. Sulla salita finale è l’ecuadoregno Carapaz ad avere lo spunto migliore a 1 km dall’arrivo e blindare la maglia bianca, mentre tra gli uomini di classifica non c’è stata bagarre: a regolare il gruppo è stato Davide Formolo, col Cavaliere dei Quattro Mori che ha tagliato il traguardo in 20ª posizione. Da segnalare la caduta di Chris Froome che è riuscito ad arrivare con lo stesso tempo dei migliori aiutato dai compagni di squadra. Cambia leggermente la classifica generale del sardo che scende dalla top10 scavalcato dal vincitore di tappa odierno Carapaz, ma il distacco dalla maglia rosa di Yates rimane di 1’12”.

Domenica 13 maggio la conclusione della prima settimana con l’arrivo sul Gran Sasso; si affronta la salita di Campo Imperatore (26 km di ascesa con punte del 13%) preceduta da un altro GPM di 1ª categoria del Calascio (14 km con 10% di pendenza massima).



Altre notizie relative

Aru, prova incolore al “Pantani” Il villacidrese nel secondo gruppo, vittoria per Ballerini
Aru: “L’Italia sarà all’altezza” Il villacidrese carico in vista dell'appuntamento mondiale
Cassani: “Aru azzurro nell’anima” Il sardo farà parte della selezione per il Mondiale

...e tu cosa ne pensi?

300