21-01-2018, Iglesias, Ceramica, Atletica Leggera, Meeting Indoor 21-01-2018. Foto Gianluca Zuddas/Agenzia Fotocronache. Nella foto: Giulia Mannu (Delogu Nuoro) 790, Dalia Kaddari (Tespiense Quartu) 716, Francesca Collu (Cus Cagliari) 662

21-01-2018, Iglesias, Ceramica, Atletica Leggera, Meeting Indoor 21-01-2018. Foto Gianluca Zuddas/Agenzia Fotocronache. Nella foto: Giulia Mannu (Delogu Nuoro) 790, Dalia Kaddari (Tespiense Quartu) 716, Francesca Collu (Cus Cagliari) 662

Grande weekend, e in particolare gran sabato, per l’atletica sarda. Il 12 maggio 2018, infatti, ha visto ottime prestazioni dei nostri atleti nella velocità, non solo da parte delle punte di diamante Patta e Kaddari. Come racconta nel dettaglio il nostro Gianluca Zuddas su AtleticaLive.iti risultati degni di nota sono stati molteplici.

Lorenzo Patta vince i 100 metri maschili con il tempo di 10”45 (+1.2), firma il record sardo di categoria strappandolo a Giorgio Marras (10”48), diventa il 6° junior italiano di sempre e si migliora di 26 centesimi il suo personale. Inoltre incamera anche il minimo per i Mondiali Juniores di Tampere (Finlandia). E dire che l’atleta allenato da Valentina Piras Francesco Garau commette pure qualche errore, segno di come ci siano ancora margini per migliorare. Al terzo appoggio l’oristanese mostra una leggera incertezza che gli costa verosimilmente qualche centesimo. Un 10”45 che consacra Patta come uno dei giovani talenti dell’Italia futura, all’esordio outdoor stagionale dopo lo stop di circa un mese per l’infortunio occorsogli agli Italiani indoor.

Giunge secondo Francesco Carrieri, che ferma il cronometro sui 10”58. L’atleta allenato da Gianni Puggioni, anch’egli all’esordio stagionale, corre ad appena 3 centesimi dal personale. Terzo il consocio della Delogu Nuoro Gianpietro Fronteddu, allenato da Massimo Marcias, che migliora il proprio personale di 18 centesimi e chiude in 10”78. La corona assoluta regionale vedrà una bella lotta tra Patta, Moro e Carrieri.

Fa la voce grossa anche Dalia Kaddari: la quartese allenata da Fabrizio Fanni corre purtroppo nella serie allieve, sostanzialmente da sola (la seconda classificata si piazza a 1”27). Kaddari chiude in 11”65 (+1.0), limando di 42 centesimi il proprio personale, migliorando anche il record sardo under 20 (il precedente era 11”73 di Maria Aurora Salvagno), issandosi al 2° posto nella lista nazionale all-time allieve e guadagnando, anche lei, il minimo per i Mondiali Juniores di Tampere.



Poco da scrivere sulla gara di Kaddari: corsa facile, controllata, senza alcuna pressione. Difficile invece ipotizzare il margine di questo talento. L’unico dispiacere è consistito nel non vederla gareggiare con le assolute, anch’esse con buoni riscontri: vince Giulia Mannu, velocista nuorese allenata da Stefano Caneo, in 12”15 (+0.9, PB) che conferma il buono stato di forma dopo il 24”51 nei 200 metri del 21 aprile, nonostante una partenza non eccezionale. Seguono Cinzia Piras (12”33), Francesca Verdecchia (12”47, PB), Francesca Collu (12”66) e Francesca Paciarotti (12”73).

CLICCA QUI PER VEDERE IL RESTO DEL RESOCONTO

TUTTI I RISULTATI

Articolo tratto da AtleticaLive.it

Altre notizie relative

Kaddari vola! Argento e record a Buenos Aires Oro all'islandese Bjarnadottir, super prova della sarda, nuovo record italiano under 18
Kaddari in lizza per una medaglia a Buenos Aires La quartese terza dopo la prima gara
Kaddari ai Giochi Olimpici Giovanili La velocista isolana gareggerà a Buenos Aires in ottobre

...e tu cosa ne pensi?

300