(foto di Cristiano Gatti)

(foto di Cristiano Gatti)

 

Sud Tirol amaro per il Cagliari, che rientra dalla trasferta di Bolzano con una sconfitta. La seconda stagionale ma stavolta senza realizzare neanche un punto.
Uno shutout di cui parliamo col manager rossoblù Walter Angioi: “Nonostante due ottime gare da parte dei lanciatori partenti, Rodriguez in gara 1 e  Del Toro in gara2 non siamo riusciti a trovare buoni contatti in battuta”. Onore al merito all’avversario: “Il Bolzano, dal canto suo, ha fatto veramente due belle gare, ben gestite. Hanno meritato di conquistare l’intera posta in palio”.



In particolare si registra un momento d’appannamento in fase offensiva: “Purtroppo siamo in difficoltà con la mazza. e, da almeno 2/3 settimane, non riusciamo a fare contatti continui e di qualità”.
Momenti che nel corso della stagione ci possono stare, quindi,  come conferma lo stesso manager cagliaritano: “Per la mia esperienza so che è solo un momento e che la forma sportiva è ciclica e il rendimento offensivo nello specifico risentono delle stesse dinamiche cicliche”.

Una sconfitta che rallenta la corsa in stagione, ma che rappresenta un momento costruttivo nel percorso della squadra: “Niente panico, siamo in linea con quanto dobbiamo fare, l’ambiente è positivo, c’è allegria ed entusiasmo, il che vuol dire che presto torneranno le soddisfazioni.
Ora testa rivolta alla sfida casa casalinga contro il Verona (5-9): “Squadra esperta, con alcune buone individualità, lotteremo alla pari” assicura Angioi.

C.In.

Altre notizie relative

I nodi da scegliere Rolando Maran avrà a che fare con diverse scelte
“Può nascere qualcosa di speciale” Le parole del tecnico dei bianchi dopo la partitella con la Primavera rossoblù
Sogni e sacrifici di Ragnar Klavan L'estone è stato l'ultimo acquisto del calciomercato rossoblù

...e tu cosa ne pensi?

300