Aru salva la gamba, fuga già a Prato Nevoso?


Fabio Aru (ITA - UAE Team Emirates) - photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2018

Fabio Aru (ITA – UAE Team Emirates) – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2018

Diciasettesima tappa del Giro d’Italia che ha visto la quarta vittoria del velocista Elia Viviani (Quickstep) nel volatone disputato a Iseo. La maglia ciclamino ha battuto Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) e Nicolò Bonifazio (Bahrain-Merida). Per via degli sforzi della cronometro del giorno precedente e dell’incredibile media tenuta nel finale nonostante, Fabio Aru ha scelto di preservare le energie in vista delle prossime tre tappe che vedranno tre arrivi in salita. Il villacidrese ha accusato un ritardo di 6’25” insieme ai fidi gregari Laengen e Atapuma. Giovedì 24 maggio l’ascesa finale di Prato Nevoso di quasi 20 km; sarà gloria per Il Cavaliere dei Quattro Mori?



...e tu cosa ne pensi?

300
error: Funzionalità disabilitata