Fabio Aru in gruppo (foto Bettini)

Fabio Aru in gruppo (foto Bettini)

Va a Maximilian Schachmann (Quickstep) su Plaza e Cattaneo, la tappa numero 18 del Giro d’Italia caratterizzata dalla fuga di 12 corridori arrivata fin sul traguardo. La Mitchelton Scott e le altre squadre hanno lasciato andare l’azione con gli uomini di classifica che si sono dati battaglia sulla salita finale di Prato Nevoso. Nell’ascesa finale Simone Yates è andato in leggera difficoltà perdendo 31″ da Froome, Pozzovivo e Dumoulin: ancora meglio è andata a Miguel Lopez che ha guadagnato 15″ sui big e anche la sesta posizione nella generale al danni di Dennis.



Fabio Aru si è lasciato sfilare sin dai primissimi metri di salita perdendo 16′ dai big, risparmiando le energie per le ultime due vere tappe del Giro d’Italia dove cercherà senz’altro la vittoria di giornata. Venerdì 25 maggio uno dei momenti clou della corsa rosa con la Venaria Reale- Bardonecchia con la Cima Coppi del Colle delle Finestre (con qualche pezzo di sterrato e punte del 9%) e la salita finale dello Jaffreau di 9 km. Riuscirà Il Cavaliere dei Quattro Mori a regalare una gioia ai suoi tifosi sulle salite della sua “seconda casa”?

Altre notizie relative

Guangxi, prima tappa tranquilla per Fabio Aru Il villacidrese termina in gruppo al debutto nella corsa cinese
Aru: “In questo 2018 mi è mancato qualcosa” Le parole del sardo prima del Tour of Guangxi
Giro di Lombardia anonimo per Aru Il villacidrese staccato sul Sormano, vittoria per Pinot

...e tu cosa ne pensi?

300