Daniele Ragatzu

Daniele Ragatzu

Chiusa la stagione 2017/2018, diamo i voti e i giudizi ai giocatori, all’allenatore e alla società dell’Olbia.

CLICCA QUI PER IL PAGELLONE COMPLETO!

Ogunseye 7 – Il suo infortunio a metà stagione getta nello sconforto Mereu e il resto dell’ambiente, tanto che l’Olbia perde un po’ la bussola. Poi si riprenderà, ma è chiaro che c’è un’Olbia con Ogu e una senza. Partner ideale di Ragatzu, si conferma e si migliora, diventando più preciso sotto porta (ma deve migliorare per poter ambire ad altri palcoscenici) e garantendo un enorme lavoro per la squadra.

Ragatzu 7.5 – Stagione divisa in due, come se andasse in letargo una volta che il più è fatto. Quando è al top domina il campionato, si perde un po’ quando deve cantare e portare la croce essendo privo di Ogunseye. Nella prossima stagione, dovrà mantenere certi standard per giocarsi l’ultima, grande chance della carriera ai piani superiori.



Senesi 7 – Rimane in ombra fino all’infortunio di Ogunseye, ci mette un po’ a carburare poi diventa decisivo. Un fastidioso infortunio muscolare lo ferma prima della fine, è un’ala che in un sistema di gioco più congeniale potrebbe davvero esplodere grazie soprattutto alla velocità e alla sfrontatezza.

Silenzi 6.5 – Sgraziato e acerbo, si impegna tantissimo e alla fine ti dà sempre qualcosa, pur con i suoi evidenti limiti. Il gol di Pistoia è vitale in un momento in cui l’Olbia faticava anche solo a tirare in porta. Poco quotato e dal cognome pesante, firma anch’egli la salvezza.

Choe SV – Attrazione esotica, promette bene in allenamento ma di fatto non convince mai quando entra in campo.

Delvecchio SV – L’esordio contro l’Arezzo, nella volata finale, è addirittura da terzino. Il resto sono rimasugli di stagione.

I PORTIERI

I DIFENSORI

I CENTROCAMPISTI

L’ALLENATORE E LA SOCIETA’

...e tu cosa ne pensi?

Registrati e accedi per inviare un commento
  Avvisami via email  
quando ci sono: