Stadio Tharros - Oristano

Stadio Tharros – Oristano

Vox populi vox dei, sostenevano i latini. E, in questo caso, non esisterebbe locuzione più appropriata. Una voce circolata nei vicoli di Oristano per settimane, fino a prendere sempre più forza e trovare la conferma degli attori in causa: la Tharros ha messo il mirino sul titolo sportivo del Guspini-Terralba. E la trattativa, seppur ancora allo stato embrionale,  è in corso.

Alla base di tutto ciò, in primo luogo, le difficoltà del presidente del Guspini-Terralba, Stefano Serpi. Difficoltà nel gestire una società militante nel principale torneo regionale senza sostanziali appoggi, a livello istituzionale e imprenditoriale, nella zona. Per questo motivo, Serpi, sarebbe deciso – quasi costretto – a gettare la spugna dopo gli inutili appelli delle scorse settimane.

Le difficoltà del Guspini-Terralba hanno incrociato le velleità di una Tharros protagonista dell’ennesima stagione deludente e vogliosa di (ri)sollevarsi dalla polvere. Una situazione tutt’altro che appropriata ad una società tra le più antiche del calcio sardo e ad una piazza che ha fame di soddisfazioni. Un’operazione economica complicata e ancora lontana dal matrimonio finale, che richiederebbe quelle sponde mancate al Guspini-Terralba negli ultimi tempi. Si tratterebbe, certamente, di un rilancio sportivo capace di risvegliare una piazza annichilita da tante (troppe) delusioni negli ultimi anni.

Questo matrimonio s’ha da fare? Ancora presto per dirlo. Ma sarà un’estate lunga…

Fabio Frongia



...e tu cosa ne pensi?

Registrati e accedi per inviare un commento
  Avvisami via email  
quando ci sono: