Angioi: “Stiamo costruendo per il futuro” – SardegnaSport


(foto di Cristiano Gatti)

(foto di Cristiano Gatti)

Gli esami non finiscono mai. Lo sanno molto bene al Cagliari, che dopo una prima fase da autentica sorpresa sta affrontando un momento delicato nella A2 di baseball, in cui le partite d’intergirone hanno regalato più amarezze che gioie.
Un momento d’appannamento più che normale nell’arco di una stagione, specialmente per una squadra giovane come i rossoblù del manager Walter Angioi, che commenta così la situazione: “Sono situazioni che si osservano spesso in squadre strutturate come la nostra, il cui 70% è costituito da studenti delle scuole superiori che in questi giorni stanno affrontando le ultime prove scolastiche e, inevitabilmente, ne risentono in campo. Con la fine della scuola torneranno ai loro livelli”.

A complicare la situazione l’alto livello del campionato, per quanto la classifica dei cagliaritani resta ottima col terzo posto nel girone: “Magari in serie B riesci comunque a scampartela, ma in serie A2 nulla può essere lasciato la caso e paghiamo dazio agli avversario. Comunque siamo a metà campionato e, seppure con un po’ di sofferenza nel box di battuta, vedo una ripresa in generale. Domenica finalmente siamo riusciti a battere di nuovo 7/8 valide, segno che c’è una ripresa”.



I rossoblù sono reduci dalla doppia sconfitta di Fogliano Redipuglia contro i Rangers (leggi qui), seppure col rammarico di un mancato spostamento di gara1 al sabato: “Siamo andati a giocarci il tutto per tutto in una gara che poi abbiamo perso 3 a 2, pur giocando bene e sfruttando sul monte di lancio Rodriguez e Del Toro. E’ stata la classica partita che potevano vincere entrambe le squadre, hanno vinto loro perché sono riusciti in quello che a noi in questo momento non riesce, cioè battere 2 valide magari extra-base di seguito”.

Il prossimo fine settimana è in programma un’altra partita d’alto livello in trasferta contro i New Black Panthers, squadra di Ronchi dei Legionari in provincia di Gorizia: “Sarà una sfida  durissima, si tratta di una squadra in forma e ben strutturata, probabilmente la più forte del girone B. Noi cercheremo come sempre di tenere a mente il nostro obiettivo, che è la salvezza e la crescita tecnica dei giovani. Stiamo un ambiente positivo dove, con entusiasmo e buone istruzioni tecniche e tattiche, si può costruire una solida realtà per gli anni a venire, stabilizzando il Cagliari nell’élite del baseball nazionale, visto che la serie A2 è il vero serbatoio dei giovani prospetti del futuro”.

...e tu cosa ne pensi?

300
error: Funzionalità disabilitata