Mikkelsen-Jaeger

Mikkelsen-Jaeger

Sono i norvegesi Mikkelsen-Jaeger a concludere in testa il primo giro di prove speciali del Rally Italia Sardegna. I primi 62 km di tratti cronometrati si sono rivelati molto insidiosi a causa del fango e della pioggia caduta sulle PS di Tula, Castelsardo, Tergu-Osilo e Monte Baranta, cosa che ha messo a proprio agio l’equipaggio della Hyundai i20 WRC che ha stampato il crono totale di 48’31”, vincendo le prime due PS di giornata.



Alle loro spalle hanno concluso a 14″ i compagni di scuderia Neuville-Gilsoul (per loro scratch nella Monte Baranta 1) e gli estoni Tanak-Jarveoja che hanno messo la loro Toyota davanti a tutti nella Tergu-Osilo. Ai piedi del podio provvisorio c’è la prima delle Ford quella condotta da Suninen-Markkula (a 22,9″), seguiti dai pluricampioni del mondo Ogier-Ingrassia ( a 23″ da Mikkelsen) e i finlandesi Latvala-Anttila su Toyota Yaris (a 26″). Più staccate le Citroen C3 WRC di Ostberg-Eriksen e Breen-Martin inframezzate dalla Hyundai di Paddon-Marshall; concludono la provvisoria Top10 i finnici Lappi-Ferm (Toyota Yaris). Nel WRC2 si parla ancora norvegese con la Skoda Fabia R5 di Veiby-Skjaermoen al comando. Prima speciale di giornata da dimenticare per la Ford Fiesta di Evans-Barrit che perdono oltre 12′ a causa di un problema a una sospensione. Nel pomeriggio a partire dalle 15 il secondo passaggio sulle prove disputate nella mattinata.



Altre notizie relative

Salis e Demontis, un Catalunya da ricordare I due navigatori ci raccontano l'esperienza al rally mondiale
Demontis e Salis navigano nel WRC I due copiloti sardi correranno in Spagna
Rally Italia Sardegna 2018 bellissimo, ma… La tappa italiana potrebbe andare via dall'Isola

...e tu cosa ne pensi?

300