Mauro Giorico in panchina, accanto all'uomo mercato Antonello Zucchi

Mauro Giorico in panchina, accanto all’uomo mercato Antonello Zucchi

L’Arzachena continua a muoversi sotto traccia e con discrezione, in un calciomercato che dovrà vederla impegnata per migliorare la rosa artefice della storica salvezza al primo anno di Serie C. Rinsaldare una difesa che, numeri alla mano, è stata ballerina; sostituire i partenti (a cominciare da quel Michele Vano che fu scommessa vinta da Antonello Zucchi, ora passata al Carpi); confermare quanti più pilastri possibile; indovinare altre pepite contro pronostico. Questi gli obiettivi della dirigenza smeraldina.



Si parte dall’allenatore, che salvo sorprese sarà ancora Mauro Giorico, dopo settimane di vociare in più direzioni, trattative e valutazioni reciproche. Il nocchiero algherese è pronto a dare un giro di vite alla sua panchina, che resiste alla grande dal 2014 in un binomio senza dubbio vincente tra Giorico e l’Arzachena, e tra il navigato tecnico il deus ex machina Zucchi.

Cambierà molto, forse completamente, la difesa biancoverde, che non è stata certo affidabilissima tra i professionisti. Un nome che potrebbe fare al caso smeraldino è quello di Giacomo Benedini, centrale classe ’94, carrarese che gioca in patria con i gialloblù dal 2015, dopo aver militato nei settori giovanili di Siena e Torino e in quel di Pisa (Serie C).

Mentre si lavora anche per alcuni prestiti e collaborazioni con società di Serie A e Serie B al fine di inserire giovani di livello, il nome più caldo è quello del sassarese (classe ’90) Luigi Scotto. L’attaccante, protagonista della promozione in Serie C del Rieti, torna di moda dopo che già un anno fa entrò nel taccuino di Zucchi, il quale alla fine optò (con grande successo) su Alessio Curcio. Scotto piace molto all’Arzachena, che ci lavora seriamente da tempo, con l’ex Savona, Cosenza e Alessandria che sogna il ritorno tra i professionisti, oltre che nell’isola.

Attenzione anche agli ottimi rapporti tra Zucchi e Giacomo Demartis, che già sei mesi fa fu un’idea per il mercato di riparazione dell’Arzachena. Centrocampista di talento ed esperienza, classe ’84, manca da molto a questi livelli e sarebbe una scommessa. Magari a basso costo e con forte motivazioni, provando a vincerla. Sempre a centrocampo, è difficile riuscire a concretizzare le trattative per Enrico Geroni, mediano classe ’89 in uscita dall’Olbia e destinato al ritorno nella Penisola.

Fabio Frongia



Altre notizie relative

Giorico: “Errori inaccettabili” Il tecnico smeraldino dopo il KO di Pisa
Arzachena inesistente, tutto facile per il Pisa Il racconto in tempo reale e il tabellino di Pisa-Arzachena
Giorico: “Siamo in emergenza” Il tecnico degli smeraldini prima della gara di Pisa | I CONVOCATI

...e tu cosa ne pensi?

300